Restare in casa, per molte donne, non è un invito rassicurante: per chi è vittime di abusi domestici il periodo di isolamento forzato può significare un peggioramento dei maltrattamenti quotidiani. E l’Onu lancia l’allarme: “È altamente probabile che il livello della già diffusa violenza domestica aumenti, come già suggerito da indicazioni preliminari di polizia e operatori”. Lo sottolinea in un comunicato il relatore speciale per la violenza contro le donne delle Nazioni Unite, Dubravka Simonovic. “Per fin troppe donne e bambini la casa può essere un luogo di paura e abuso. Una situazione che si aggrava considerabilmente in casi di isolamento come il lockdown imposto nell’emergenza Covid-19”, ha spiegato, aggiungendo che ciò potrebbe portare ad un aumento di casi di femminicidi perpetrati dal partner.

Inoltre, in una situazione di pericolo costante, è anche difficile chiedere aiuto: come telefonare alle forze dell’ordine o ai centri antiviolenza se chi commette abusi è sempre nell’altra stanza? Per questo la polizia ha trovato un’altra strada: l’app YouPol, nata per far denunciare ai più giovani episodi di bullismo e droga, e che da oggi potrà essere utilizzata anche per denunciare violenze domestiche. In queste settimane di emergenza dovuta al coronavirus, dice il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, “dobbiamo rimanere a casa, ma le istituzioni continuano ad essere al fianco delle donne: dunque non esitate a chiamare i numeri di emergenza“. Se, però, “non si può chiamare perché testimoni o perché vittime di abusi” aggiunge il ministro, si può scaricare l’app. “Le forze di polizia sono sempre vicine a voi – conclude il ministro – non abbiate timore”

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Coronavirus, residenze per anziani nella disperazione a Bergamo: “Qui 600 decessi su 6400 posti letto”

next