Balconi e cielo buio. Nei giorni dell’emergenza che costringe tutti noi a restare in casa parte un esperimento scientifico collettivo che coinvolge comuni cittadini. La sfida è per misurare la luminosità del cielo dai balconi di casa, durante i giorni in cui si è costretti a rimanere nelle proprie abitazioni per l’emergenza coronavirus.

L’idea – come riporta l’Ansa – è venuta a due ricercatori italiani, Alessandro Farini, dell’Istituto Nazionale di Ottica del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr-Ino) e Luca Perri, astrofisico e divulgatore scientifico, che l’hanno lanciata sui social con l’hashtag #scienzasulbalcone. Basta scaricare un’app gratuita (dal sito https://sites.google.com/view/scienzasulbalcone) con la quale misurare la luminosità dell’ambiente in cui ci si trova. Il primo appuntamento è la sera del 23 marzo, con una diretta per spiegare l’esperimento e una prima raccolta dati, seguita da altre due le sere del 24 e 25 marzo, alle 21.

Lo spunto nasce da questi giorni di isolamento, in cui tanti italiani si danno appuntamento alla finestra o ai balconi per cantare, o illuminare il cielo notturno con il cellulare per essere fotografati dai satelliti. In realtà, spiegano gli esperti, la luce di uno smartphone non può essere rilevata da un satellite, ma questo insolito flash mob ha fatto nascere nei due ricercatori l’idea di sfruttarla non per essere visti, ma per studiare la volta celeste. “Si tratta – spiegano – di un esperimento di scienza partecipata, a cui tutta la popolazione può dare il suo contributo, direttamente da casa propria, aiutando così i ricercatori a mappare la situazione dell’inquinamento luminoso lungo tutta la penisola italiana”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus, l’immunoinfettivologo: “Primi 7 giorni fondamentali, se iniziassimo a curare subito pazienti non servirebbe l’ospedale”

next
Articolo Successivo

Avigan, ancora un farmaco ‘miracoloso’ anti coronavirus. Fidatevi della scienza non dei video su Facebook

next