A causa dell’emergenza da Coronavirus che sta stringendo in una morsa il Paese intero, di eventi in forse, rinviati, già cancellati o prossimi ad esserlo se ne sente di continuo. E per quanto riguarda l’ambito automobilistico, non poteva fare eccezione il Milano Monza Open-Air Motor Show (MiMo), al momento ancora nella categoria dei “forse”.

Il primo salone di Milano, quello che di fatto raccoglierà l’eredità della kermesse torinese Parco Valentino, dovrebbe tenersi infatti tra il 18 e 21 giugno prossimi, ma nulla è stato ancora deciso: l’ufficio stampa dell’evento ha fatto sapere che una risposta sull’effettiva data di svolgimento sarà data il 15 maggio.

Questo significa che il MiMo non sarà cancellato ma, se del caso, rinviato all’autunno: “Crediamo che la conferma della nostra manifestazione rappresenterebbe un segnale importante di ripartenza economica e sociale” si sottolinea nella nota stampa, “e per questo motivo, in accordo con le case automobilistiche e i nostri partner, abbiamo semplificato il format di partecipazione, consentendo alla macchina organizzativa di realizzare il MiMo in un mese, con le adeguate misure di sicurezza che saranno previste a livello nazionale”.

Quindi il salone di Milano-Monza si farà – magari in una versione ridotta rispetto all’idea originale – bisogna solo capire se prima o dopo l’estate. Intanto l’evento continuerà ad essere pubblicizzato e dal 3 aprile, e per un intero mese, tra le due città fulcro del salone open-air compariranno delle maxi-affissioni con su scritto “Ripartire insieme sarà un grande evento”: non un semplice slogan ma un messaggio di incoraggiamento per il Paese e ancor di più per la Lombardia, la regione italiana che più di tutte sta soffrendo gli effetti della pandemia da Covid-19.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Coronavirus, Wetaxi attiva a Roma Delivery. E il tassista si reinventa fattorino

next
Articolo Successivo

Coronavirus, FCA e Ferrari collaboreranno con Siare per ventilatori. Elon Musk si mette a disposizione del governo Usa

next