Si chiama Connected ed è il nuovo smartwatch annunciato da TAG Heuer, noto brand svizzero dell’orologeria di lusso. La casa ovviamente non si discosta dal suo stile per questo smartwatch che si presenta curatissimo tanto nel design quanto nei materiali impiegati. Tuttavia il prezzo elevatissimo (si parte da 1800 euro per il modello di base), non sembra essere del tutto giustificato dalla scheda tecnica. Per quanto completissimo infatti lo smartphone costa circa 700 dollari in più del recentissimo e altrettanto lussuoso Montblanc Summit 2+, che però integra anche una eSIM e può quindi fare a meno dello smartphone per tutte le proprie funzioni.

Come detto comunque il TAG Heuer Connected resta uno smartwatch notevole per molti versi. Dotato di cassa impermeabile fino a 50 metri di profondità con diametro di 45 mm e spessore di 13,55 mm, ha ghiera, cassa e cinturini che variano a seconda del modello, si va infatti dall’allestimento più economico con cassa in acciaio, cinturino in pelle e ghiera in ceramica a quello più costoso, che prevede cassa in titanio, ghiera in fibra di carbonio e cinturino sempre in gomma, passando per il modello intermedio tutto in acciaio.

La scheda tecnica prevede un display OLED da 1,39 pollici con risoluzione 454 x 454 pixel e protezione in vetro zaffiro, processore Qualcomm Snapdragon Wear 3100 e generosa batteria da 430 mAh, che dovrebbe garantire un’ampia autonomia. Non manca infine il monitoraggio della frequenza cardiaca, l’integrazione con Google Fit e l’apposita app, TAG Heuer Sports, per il monitoraggio degli allenamenti di golf, corsa, ciclismo e camminata. Alla connettività infine ci pensano i moduli Bluetooth, Wi-Fi e GPS/GLONASS/BeiDou/QZSS.

I prezzi, come detto, sono salati. Il TAG Heuer Connected in versione base costa infatti 1800 dollari, pari a circa 1600 euro, mentre sono necessari 1950 dollari (circa 1800 euro) per la variante tutta in acciaio. Il top di gamma infine costa ben 2350 euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Folding@home, ecco come utilizzare il proprio PC per combattere il Coronavirus

next
Articolo Successivo

Cybersicurezza, una falla in Windows 10 consente di attaccare tutti i computer di una rete locale, Microsoft rilascia una patch

next