Sto portando la spesa a casa dell’amico”. I carabinieri della compagnia di Bianco e di Locri non ci hanno creduto. Anche perché quella casa, a Bruzzano Zeffirio in provincia di Reggio Calabria, dove il soggetto stava portando del cibo doveva essere disabitata. I controlli disposti dal governo per contrastare la diffusione del coronavirus si sono rivelati fondamentali per arrestare Cesare Antonio Cordì, figlio di Antonio detto “u ragiuneri”, esponente di spicco della cosca di Locri.

L’amico infatti era un latitante della ‘ndrangheta sfuggito nell’agosto scorso all’operazione “Riscatto”, un’inchiesta coordinata dal procuratore Giovanni Bombardieri, dall’aggiunto Giuseppe Lombardo e dai pm Giovanni Calamita e Diego Capece Minutolo che hanno assestato un colpo durissimo alla cosca Cordì.

Gli indagati nell’operazione riscatto, infatti, sono accusati di associazione mafiosa, estorsione, danneggiamento seguito da incendio, illecita concorrenza con minaccia o violenza, trasferimento fraudolento di valori, detenzione e porto in luogo pubblico di armi, con l’aggravante di aver agito per favorire gli interessi della ‘ndrangheta.

In particolare, il quarantaduenne Cesare Antonio Cordì (già condannato per associazione a delinquere di stampo mafioso) è accusato di aver fittiziamente intestato alla moglie, Teresa Giorgi, un esercizio commerciale ad Ardore.
Ritornando al blitz dei carabinieri, durante il controllo eseguito nei confronti del fiancheggiatore sorpreso per strada in violazione degli obblighi disposti dal decreto del presidente del Consiglio, i militari dell’Arma si sono accorti di un flebile bagliore di una sigaretta dietro una tapparella della casa dove doveva essere portato il cibo. Tanto è bastato per individuare il latitante, irreperibile da 7 mesi e oggi incastrato dalla stretta dei controlli per l’emergenza Covid-19. Le indagini dei carabinieri adesso continuano per ricostruire la rete di fiancheggiatori di Cesare Antonio Cordì.

Memoriale Coronavirus

Giustizia di Fatto - Ottieni i i dossier e le informazioni più importanti per essere sempre informato su tutto ciò che avviene nell'ambito della Giustizia

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trattativa Stato-mafia, si allunga il processo d’Appello: saranno ascoltati nuovi pentiti. Stralciata la posizione di Ciancimino

next