Provvedimenti tra i 12 e i 15 miliardi di euro, un decreto “in cui vi sono le fondamenta per poter mantenere attivo il settore industriale e imprenditoriale del nostro Paese”. Ad annunciarlo è il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Federico D’Incà, che ospite a Stasera Italia ha dichiarato che il provvedimento sarà presentato sabato: “Il governo ha chiesto uno scostamento di 25 miliardi e domani arriverà un decreto in cui allargheremo la cassa integrazione e sosterremo le aziende e l’attività sanitaria del nostro Paese”, ha aggiunto.

Il ministro ha poi continuato spiegando che all’interno “vi sarà la sospensione dei mutui, attraverso un fondo di garanzia, vi saranno risorse importantissime per la parte di protezione sanitaria, per la Protezione civile. Vi sarà la sospensione degli adempimenti fiscali, quindi un rinvio per quanto riguarda scadenze importanti come il pagamento dell’Iva. Inoltre, allargheremo la cassa integrazione”.

Con un comunicato, il ministero dell’Economia fa sapere che i termini relativi ai versamenti previsti al 16 marzo saranno differiti con una norma nel decreto legge: “Il decreto – si legge -introdurrà anche ulteriori sospensioni dei termini e misure fiscali a sostegno di imprese, professionisti e partite Iva colpite dagli effetti dell’emergenza sanitaria”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, De Luca: “Arresto e quarantena per chi passeggia per strada. Quartieri vanno militarizzati”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Luca Lotti positivo: “Rispettate regole, ma il Covid-19 è micidiale. Sto bene, voi restate a casa”

next