L’economia è totalmente ferma, così non ci riprendiamo più”. Decine di imprenditori del Basso Lodigiano, coinvolti dalle norme applicate nella zona rossa del contagio di coronavirus, si sono ritrovati alle porte di Codogno, in località Mirandolina. “La situazione è drammatica, servono misure veloci”, ha detto la presidente Confartigianato di Lodi, Sabrina Baronio. “La chiusura delle aziende di 15 giorni non ci permette di recuperare gli utili di un anno. Questi giorni lavorativi costituiscono il 5% del nostro fatturato”. Insieme a lei, Maria Vittoria Falchetti, responsabile marketing di Mta di Codogno, che fa componentistica per le auto eche già nei giorni scorsi aveva chiesto di poter lavorare a ranghi ridotti per non sospendere la produzione. “Nella zona rossa ci sono 3400 imprese, in quella gialla 11mila per più di 56mila dipendenti – ha continuato Baronio – col blocco delle attività saranno in molti a dover chiudere”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Videosorveglianza in ufficio, serve un accordo sindacale. Il consenso dei lavoratori non basta

next
Articolo Successivo

Alitalia, chiesta cassa integrazione per quasi 4mila lavoratori anche “per l’emergenza coronavirus”. La Cgil: “Immotivata”

next