Esami gratis e senza rispettare le liste d’attesa per amici e parenti. Succedeva all’ospedale G.B. Grassi di Lido di Ostia dove gli uomini della Guardia di finanza di Roma hanno denunciato 141 tra medici e paramedici, dipendenti della struttura. L’indagine, coordinata dalla procura di Roma, è scattata nel novembre 2017 da una denuncia presentata nei confronti di un’infermiera. I militari informano di aver proceduto “a un meticoloso esame dei tabulati relativi alle prestazioni erogate e all’assunzione di testimonianze, individuando artefici e beneficiari della truffa che, oltre a danneggiare il Servizio Sanitario Nazionale, ha leso i diritti degli altri utenti i quali, prenotandosi regolarmente al Cup, dovevano attendere il proprio turno prima di sottoporsi a un esame diagnostico“.

La frode era piuttosto semplice quanto diffusa: la persona che necessitava di una prestazione si rivolgeva a uno dei sanitari compiacenti che, grazie alla password personale per l’accesso al sistema informativo dell’ospedale, avanzava richiesta all’articolazione competente. Eseguito l’esame diagnostico o l’analisi chimico-clinica, gli stessi sanitari venivano in possesso del referto, che provvedevano a consegnare al beneficiario, evitando così il pagamento del ticket alla Regione Lazio. A usufruire della “corsia preferenziale” 523 tra parenti e amici dei medici ed infermieri, questi ultimi a loro volta beneficiari dell’illecito sistema. Oltre a dover rispondere all’autorità giudiziaria ordinaria del reato di truffa aggravata, gli indagati potranno essere perseguiti dalla Corte dei conti per il danno all’erario.

Foto di archivio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Successivo

Coronavirus, la Regione Lombardia isola Codogno, Castiglione d’Adda e Casalpusterlengo: “Restate a casa”. Chiusi scuole, uffici e locali

next