“Mandami le foto di nudo, altrimenti ti boccio”. Una studentessa dell’Accademia di Belle Arti di Napoli ha raccontato di essere stata molestata e sessualmente abusata da un suo docente: la sua al momento è l’unica denuncia, anche se altre ragazze, ascoltate, hanno confermato simili episodi. Il caso è deflagrato dopo che il sito Fanpage ha pubblicato un video in cui la ragazza racconta – di spalle e con la voce contraffatta – le minacce subite, i messaggi osceni e infine racconta una violenza sessuale avvenuta a casa del professore. Ieri sera il docente dell’Accademia ha rassegnato le sue dimissioni. Secondo il suo legale, la decisione del suo assistito è motivata dalla volontà di “fare chiarezza il prima possibile”: per questo ha depositato spontaneamente i tabulati delle conversazioni telefoniche con la ragazza.

La ventenne per ora non aveva mai voluto esporsi: ma quando gli avvocati difensori del docente hanno diffuso una nota in cui smentiscono qualsiasi ipotesi di abuso o violenza, lei ha voluto raccontare la sua versione (rimanendo anonima) in un lungo video su Fanpage, pubblicato il 16 febbraio e poi acquisito dalla Procura. Racconta di essere stata contattata sui social dall’uomo, che le chiedeva immagini esplicite sotto la minaccia della bocciatura agli esami. La ragazza racconta anche di aver avuto problemi psichiatrici, che aveva confidato all’uomo: “Un momento prima era come un padre, e ci teneva, un attimo dopo diventava disgustoso”. La ragazza, spaventata e intimidita, racconta di essere anche andata nell’appartamento del professore, dove avrebbe avuto un rapporto non consensuale con l’uomo.

La ragazza ha denunciato la vicenda ai carabinieri di Posillipo: sarà l’accertamento irripetibile sui telefoni cellulari di entrambe le parti in causa, il punto di svolta delle indagini. Il pm Cristina Curatoli, procuratore aggiunto Raffaello Falcone, inquirenti della sezione “fasce deboli” hanno iscritto il professore nel registro degli indagati con l’accusa di violenza sessuale. Entrambi, dicono i loro legali, si stanno avvalendo di un sostegno psicologico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Frode sull’Iva nel commercio dei carburanti, 17 indagati e 55 milioni di euro sequestrati

next
Articolo Successivo

Morti sul lavoro, Zaia e i sindacati litigano sulle cifre in Veneto. “Trend negativo, lo dice Spisal”. “Falso, sono stati 57 secondo l’Inail”

next