In ogni divorzio ci sono beni da spartire: quadri, mobili, pezzi d’arredamento. Non fa eccezione l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea: nell’ultima bozza dell’intesa sulla Brexit, infatti, ci sarebbe una clausola relativa alla restituzione di “oggetti culturali rimossi illegalmente nei loro Paesi di origine”. Lo riporta il britannico Telegraph, riaccendendo i timori sul destino dei preziosi marmi greci conservati al British Museum, una vecchia ruggine tra Atene e Londra.

La clausola sarebbe stata chiesta dall’Unione Europea nell’ambito dei colloqui di oggi a Bruxelles, tesi a preparare i negoziati di marzo. In particolare riguarda alla preziosa collezione di statue, iscrizioni e fregi provenienti dal Partenone e altri siti ellenici, raccolta da Lord Elgin tra il 1801 e il 1805, ma interessa anche numerose opere d’arte italiane. La Grecia, tuttavia, ha negato che la clausola si riferisca ai marmi di Elgin e afferma che essa è destinata a combattere il commercio illecito di antichità.

In risposta, un portavoce del Bitish Museum ha preso atto della decisione del governo greco di non reclamare le statue durante i negoziati: “Il Bitish Museum è già impegnato a combattere il traffico illecito di antichità e collaboriamo con le autorità per identificare e restituire manufatti introdotti illegalmente nel Paese. Ma le sculture del Partenone sono state comprate legalmente e fanno parte della storia dell’umanità che conserviamo e raccontiamo nel museo: sono visibili a 6 milioni di visitatori che ogni anno arrivano da ogni parte del mondo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Wall Street Journal: “La Cina è il malato d’Asia”. E Pechino caccia 3 giornalisti della testata: “Titolo razzista”

next