Nel giorno in cui le Sardine tornano in piazza a Roma, è uno dei portavoce nazionali, Lorenzo Donnoli, a scagliarsi contro il ministro degli Esteri Luigi Di Maio sul caso Zaki, lo studente dell’Università di Bologna detenuto in Egitto. “Invece di occuparsi di sciocchezze si occupasse di Patrick Zaki, di tenere alta l’attenzione sul suo caso. È ridicolo, è vergognoso che un ministro degli Esteri, mentre Zaki è in mano ai torturatori, sia in piazza a farsi i selfie a una manifestazione di partito”, ha attaccato. Per poi chiedere: “Agisca, si ritiri l’ambasciatore e si dichiari l’Egitto paese non sicuro”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sardine in piazza a Roma, Jasmine Cristallo: “Non parliamo di cambiare i decreti sicurezza, chiediamo di abrogarli. Differenza sostanziale”

next
Articolo Successivo

Regionali Liguria, nel M5s si discute sull’alleanza col Pd: i favorevoli chiedono il voto su Rousseau, ma decidono i vertici

next