Suo padre stava cercando di portarla a piedi in ospedale da un campo profughi improvvisato a Idlib. Ma la piccola Iman Mahmoud Laila, un anno e mezzo, non ce l’ha fatta ed è morta tra le sue braccia. La bimba viveva insieme alla sua famiglia in una tenda – racconta il Syrian Network for Human Rights – vicino al villaggio di Màrata, nel governatorato di Aleppo con la famiglia. Con il freddo pungente di questi giorni, in un alloggio precario senza riscaldamento, si è ammalata e ha cominciato ad avere problemi respiratori. Il padre ha deciso di andare in ospedale ad Afrin, a due ore di cammino, dove però è arrivata senza vita all’alba del 13 febbraio. Due giorni prima è morto assiderato anche il piccolo Abdul Wahhab Ahmad al Rahhal, di sette mesi. Era scappato insieme alla sua famiglia dalla città di Khan Sheikhoun.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Afghanistan, Usa e Taliban trovano l’accordo per una tregua di 7 giorni: la “prova” richiesta da Trump per pensare al ritiro delle truppe

next