Suo padre stava cercando di portarla a piedi in ospedale da un campo profughi improvvisato a Idlib. Ma la piccola Iman Mahmoud Laila, un anno e mezzo, non ce l’ha fatta ed è morta tra le sue braccia. La bimba viveva insieme alla sua famiglia in una tenda – racconta il Syrian Network for Human Rights – vicino al villaggio di Màrata, nel governatorato di Aleppo con la famiglia. Con il freddo pungente di questi giorni, in un alloggio precario senza riscaldamento, si è ammalata e ha cominciato ad avere problemi respiratori. Il padre ha deciso di andare in ospedale ad Afrin, a due ore di cammino, dove però è arrivata senza vita all’alba del 13 febbraio. Due giorni prima è morto assiderato anche il piccolo Abdul Wahhab Ahmad al Rahhal, di sette mesi. Era scappato insieme alla sua famiglia dalla città di Khan Sheikhoun.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Afghanistan, Usa e Taliban trovano l’accordo per una tregua di 7 giorni: la “prova” richiesta da Trump per pensare al ritiro delle truppe

next