Suo padre stava cercando di portarla a piedi in ospedale da un campo profughi improvvisato a Idlib. Ma la piccola Iman Mahmoud Laila, un anno e mezzo, non ce l’ha fatta ed è morta tra le sue braccia. La bimba viveva insieme alla sua famiglia in una tenda – racconta il Syrian Network for Human Rights – vicino al villaggio di Màrata, nel governatorato di Aleppo con la famiglia. Con il freddo pungente di questi giorni, in un alloggio precario senza riscaldamento, si è ammalata e ha cominciato ad avere problemi respiratori. Il padre ha deciso di andare in ospedale ad Afrin, a due ore di cammino, dove però è arrivata senza vita all’alba del 13 febbraio. Due giorni prima è morto assiderato anche il piccolo Abdul Wahhab Ahmad al Rahhal, di sette mesi. Era scappato insieme alla sua famiglia dalla città di Khan Sheikhoun.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Afghanistan, Usa e Taliban trovano l’accordo per una tregua di 7 giorni: la “prova” richiesta da Trump per pensare al ritiro delle truppe

next