Era evasore totale e risultava nullatenente, ma dal 2014 metteva in affitto in nero una lussuosa villa con piscina a Genova per la cifra di mille euro al giorno. La guardia di Finanza ha scoperto una “sistematica ed abituale locazione dell’immobile” agli utenti della piattaforma AirBnb e a noti calciatori. Hanno passato lì le loro vacanze anche diversi calciatori: Mauricio Ricardo Pinilla Ferrera (attaccante del Coquinbo Unido, passato dal Palermo, Genoa e Cagliari), Suso (Milan e Genoa), Lucas Ariel Ocampos (attaccante del Siviglia e della nazionale argentina, ha giocato nel Milan e Genoa) e Jules Olivier Ntcham (centrocampista Celtic e della nazionale Under-21 francese, ha giocato nel Genoa). Secondo quanto emerge delle indagini, gli sportivi non sapevano che l’affitto era in nero. I contatti venivano presi dai loro procacciatori o dallo staff con la società dell’imprenditore proprietario dell’immobile.

L’indagine è nata da una rafforzata azione di contrasto all’economia illegale, attraverso controlli in materia di affitti nelle località più famose della riviera. La villa si trova all’interno del comprensorio della Pineta di Arenzano, nel ponente di Genova, una delle zone più rinomate della riviera ligure. L’uomo al quale è stata sequestrata la villa è amministratore di varie società ed è gravato da cartelle esattoriali per oltre 100 milioni di euro, derivanti da frodi carosello tra l’Olanda, la Germania e l’Italia. L’immobile, in grado di ospitare 12 persone, è dotato di piscina ed era stato appositamente schermato, al fine di evitare aggressioni patrimoniali.

La verifica fiscale si è conclusa con la constatazione di redditi da locazioni non dichiarati per oltre 400mila euro ed Imu e Tasi per 70mila euro. È stato poi richiesto all’autorità giudiziaria genovese il sequestro preventivo finalizzato alla confisca dell’immobile. La villa era nell’effettiva disponibilità dell’indagato, ma è intestata ai suoi due figli, cosa che ha fatto sorgere l’ipotesi di reato di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Treno deragliato, Agenzia per la sicurezza delle Ferrovie: “Rilevata un’inversione dei cablaggi nel congegno, difetto interno”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Spallanzani dimette 20 cinesi. “Rifiutati da alberghi, i taxi non li facevano salire. Rimasti qui un’altra notte”

next