Una dopo l’altra, le grandi aziende del settore tecnologico avevano disdetto la propria partecipazione: Ericsson, Lg, Amazon e Facebook. Oggi è arrivata la decisione ufficiale: Il Mobile World Congress, la più importante fiera della telefonia mobile in programma a fine febbraio a Barcellona, non si farà. È la prima volta in 33 anni. Troppi timori legati alla diffusione del coronavirus, in un evento che raccoglie ogni anno più di 100mila partecipanti. Lo ha deciso la Gsma, l’associazione mondiale degli operatori delle telecomunicazioni che organizza l’evento, al termine di una lunga riunione: il ceo dell’associazione John Hoffman, riferisce Bloomberg, ha spiegato che l’epidemia ha reso “impossibile” fare l’evento, in cui erano attesi 2800 espositori.

Quest’anno la fiera era in programma dal 24 al 27 febbraio: è un appuntamento molto atteso dagli operatori del settore perché vengono presentate le più innovative proposte di smartphone. La Gsma negli scorsi giorni aveva annunciato rigide misure di prevenzione per tutelare la salute di espositori, operatori e visitatori: vietato l’ingresso a tutte le persone provenienti dalla provincia di Hubei, focolaio del coronavirus, e a tutti coloro che sono stati in Cina negli ultimi 14 giorni prima dell’inizio della fiera. Ma il rischio, per gli organizzatori, era troppo alto: “La preoccupazione globale per l’epidemia di coronavirus, la preoccupazione per i viaggi e altre circostanze, rende impossibile confermare l’evento”, ha detto il Ceo Bloomberg. Secondo le ultime cifre diffuse dal governo cinese, nel mondo sono 45.206 i casi confermati, con 1.117 morti (più della Sars) ma aumentano, parallelamente, i casi di persone guarite: 5.123.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Microsoft Edge, prestazioni migliori del 10% rispetto alla vecchia versione

next
Articolo Successivo

Africa, la storia di Aisha: così la vita delle donne incinte è appesa a un filo. “In ospedale dopo ore di cammino”

next