Aveva promesso che, se non avesse vinto le elezioni Regionali, sarebbe comunque rimasta a guidare la Lega in consiglio regionale in Emilia-Romagna. Una promessa che ha fatto in diretta su Rai3 a “Carta Bianca” solo poche settimane fa, durante un confronto con il suo avversario Stefano Bonaccini. Ma ora, perse le elezioni, la senatrice leghista e consigliera comunale a Bologna Lucia Borgonzoni sembra aver cambiato idea. Secondo le ultime ricostruzioni l’ex candidata presidente è in procinto di volare di nuovo a Roma per tornare a sedere a Palazzo Madama: lì la attende uno stipendio di circa 13mila euro al mese contro i 4mila dell’Assemblea legislativa, così come stabilito dal taglio introdotto proprio dalla precedente giunta di centrosinistra.

La legge prevede, infatti, l’incompatibilità tra la carica in Consiglio regionale e lo scranno di senatrice. “In caso di sconfitta lascerò il Parlamento e siederò in Regione, non potendo mantenere il doppio incarico di senatrice e consigliere regionale”, era stata la frase esatta pronunciata da Borgonzoni il 14 gennaio nella trasmissione di Bianca Berlinguer. Una promessa che ha ripetuto più volte in campagna elettorale, ma della quale ora non vuole più parlare. E nonostante dal giorno dopo le Regionali del 26 gennaio le venga domandato quotidianamente sia dall’opposizione che dai suoi elettori sul suo profilo Facebook se sceglierà Roma o l’Emilia-Romagna, Borgonzoni non ha ancora svelato il mistero.

Per lei, però, sembra aver già risposto il leader del Carroccio Matteo Salvini che, all’indomani del voto, ha dichiarato: “Lucia mi ha chiesto di stare qui. Deciderò se è più utile qua o a Roma, in tanti fanno il percorso verso lo scranno a Roma. Lucia lo vuole fare al contrario, ma su questo decideremo e vedremo se c’è spazio per accontentarla”, fornendo così una giustificazione preventiva alla senatrice in caso di abbandono del posto in consiglio regionale. Era stato anche promesso che una risposta sarebbe stata data alla festa di ringraziamento dei militanti leghisti del venerdì successivo a Vignola (Modena). Ma niente da fare. In quell’occasione Salvini si è limitato a ripetere “Lucia chiede di restare, ma serve a Roma” aggiungendo che l’idea era di affidarle il ruolo di responsabile Cultura nello staff della Lega. E lei ha dichiarato un semplice “vedremo”. Di fatto già un mezzo passo indietro rispetto a quanto promesso in campagna elettorale. Insomma, i giochi sembrano già fatti e Borgonzoni, per ora, si è limitata a dire che, con ogni probabilità, sarà in Assemblea legislativa alla prima seduta in Aula che ancora non è stata calendarizzata, ma è prevista per la fine del mese.

L’opposizione, intanto, attacca la senatrice. Anche perché c’è un altro fatto che non va giù al Pd. Oltre ad essere stata eletta in Regione mentre è senatrice, Borgonzoni è anche consigliera comunale a Bologna, dove, come le ha mandato a dire anche il sindaco Pd Virginio Merola, non la si vede da parecchio tempo. Ad attaccarla è la dem Simona Lembi: “Non partecipa alle sedute da quasi due anni, si dimetta” incalza. “E’ evidente – commenta il suo collega di partito Serse Soverini – che c’è uno scarto tra la responsabilità verso il territorio e il suo interesse personale. Io al posto suo, manterrei l’impegno e farei il mio dovere in Emilia-Romagna, questa è la differenza tra lei e Bonaccini”. Ma malumori si registrano anche nel centrodestra, da dove arriva qualche voce critica, come quella dell’ex collega di partito Manes Bernardini, ora civico, schierato nelle ultime elezioni regionali con Forza Italia. “Scegliere di abbandonare per rimanere nella sedia più comoda del Senato – dice chiaro e tondo in una lettera aperta a Borgonzoni – sarebbe l’ennesimo errore, un regalo ai tuoi detrattori e avremmo buttato via tempo ed energie per una vera alternativa”. In casa della Lega, invece, regna l’imbarazzo e le bocche rimangono cucite su un’eventuale rinuncia della senatrice all’Emilia-Romagna, anche se le indiscrezioni parlano di una certa insofferenza verso questa possibilità. Ma critiche a Borgonzoni arrivano anche da elettori delusi che esprimono il loro disappunto sotto le foto quotidiane postate dalla leghista sul suo profilo Facebook, con le quali annuncia il buongiorno o la buonanotte ai suoi followers.

“Fare una battaglia per vincere la Regione e poi decidere di rimanere in Senato. Credo abbia dimostrato il mancato rispetto per quel milione di emiliano-romagnoli che l’hanno votata. Questa è la solita politica, non cambiamento. Firmato un elettore leghista”, è uno dei commenti postati. “Come mai non ha mantenuto la promessa? – chiede un altro utente di Facebook, oggi -. Se non mantiene una promessa così poco impegnativa, come facciamo a credere che avrebbe mantenuto le altre?” Un’altra follower le scrive: “Non ho capito se rimani in Regione o no….avevi detto di sì ma ieri ho sentito delle voci che dicevano il contrario”. E ancora: “Buongiorno Lucia, mi è dispiaciuto leggere che non resterai in Regione a guidare l’opposizione, ma che tornerai a Roma in Senato…sono molto delusa”. Intanto si continua ad attendere una risposta ufficiale da parte della senatrice leghista che non potrà tardare ad arrivare ancora per molto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Legge sul libro, via libera al Senato: tutti i punti. Dal credito d’imposta al sostegno delle biblioteche scolastiche

next
Articolo Successivo

Zingaretti: ‘Di Maio in piazza contro i vitalizi? Errore. Conte riferimento dei progressisti’. Il premier: “Battaglia che M5s ha sempre fatto”

next