Le autorità cinesi hanno rilevato casi di virus H5N1 dell’aviaria a Shaoyang, provincia centrale dell’Hunan, con circa 4.500 polli infettati. Lo riporta il Global Times, sulla base delle informazioni fornite date dal ministero dell’Agricoltura. Il virus ha ucciso 4.500 polli e nel complesso sono stati abbatti quasi 20mila capi dopo la conferma del contagio. La provincia dell’Hunan confina con quella dell’Hubei, da dove è scaturita l’epidemia del nuovo coronavirus di Wuhan. Le autorità locali hanno sigillato e sterilizzato l’area infetta, dove un totale di 17.828 polli sono stati abbattuti e smaltiti, secondo il ministero, in modo sicuro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Abu Mazen contro piano di pace di Trump: “Rompo relazioni con Usa e Israele. Non venderò Gerusalemme”

next