Orari “eccessivamente lunghi” e “salari troppo bassi per coprire i bisogni elementari”. Ma anche migranti senza documenti “lasciati in un limbo, senza poter accedere a lavori regolari”. Così, secondo l’Onu, il sistema alimentare dell’Italia sfrutta la manodopera che per metà è costituita appunto da migranti per lo più irregolari, la categoria più debole. L’atto d’accusa è contenuto in un comunicato dell’inviata esperta di diritti umani delle Nazioni Unite, Hilal Elver. “Malgrado un Pil stimato di 2,84 mila miliardi di dollari, imprese innovative rinomate nel mondo, un vasto settore agricolo e un’industria manifatturiera moderna, i lavoratori e piccoli agricoltori portano un pesante fardello e sono sfruttati dalla sofisticata industria alimentare italiana”, scrive nella nota la relatrice speciale per il diritto all’alimentazione, al termine di una visita di 11 giorni nel nostro Paese, tra Lazio, Lombardia, Toscana, Piemonte, Puglia e Sicilia. Nella nota è contenuta una critica al decreto Sicurezza di Matteo Salvini, che ha “contribuito alla crescita dei migranti senza documenti e la ‘illegalizzazione’ dei richiedenti asilo e spinto sempre più persone nel lavoro irregolare“. “Ci sono (in Italia) circa 680mila migranti senza documenti, due volte quanti ce n’erano solo cinque anni fa“, spiega l’inviata dell’Onu.

“L’Italia – scrive Elver – è un forte fautore internazionale dei diritti umani, in particolare di quello all’alimentazione, ma questo non ha la stessa risonanza sul piano interno“. “Ho parlato – aggiunge l’inviata, citata dalla nota – con persone che dipendono dai banchi alimentari e dalle istituzioni caritatevoli per il loro prossimo pasto. Lavoratori agricoli che lavorano con orari troppo lunghi in condizioni difficili e con un salario troppo basso per coprire i loro bisogni elementari. Migranti senza documenti lasciati in un limbo con nessun accesso a lavori regolari né la possibilità di affittare un locale decente dove vivere. Studenti che non hanno accesso alle mense scolastiche perché le loro famiglie sono troppo povere per poterle pagare”. Secondo Elver, “come Paese sviluppato, come terza economia in Europa, questi livelli di povertà e di sicurezza alimentare sono inaccettabili“. Il governo italiano, fa sapere l’esperta Onu, dovrebbe capire che “la carità non va confusa con il diritto ad alimentarsi“.

Metà circa della manodopera del settore agricolo, scrive nel suo rapporto l’Onu, è costituita da braccianti migranti, che formano uno dei gruppi più vulnerabili: sono fra i 450mila e il mezzo milione. In agricoltura, scrive ancora, lavora “la più elevata quota di lavoratori irregolari in relazione al numero totale di impiegati nel settore”. “Da nord a sud, centinaia di migliaia di braccianti lavorano la terra o accudiscono il bestiame senza protezioni legale o sociale adeguate”. E sotto ricatto, con la “minaccia costante di perdere il lavoro, di venire rimpatriati con la forza o di diventare oggetto di violenza fisica e morale“. “Lavoratori stagionali e non stagionali trovano spesso nel sistema del caporalato la sola possibilità di vendere la loro manodopera e di ottenere una paga“, osserva ancora la nota curata da Elver. La legge 199/2016 “non sembra in grado di difendere i diritti umani di tutti i braccianti, in particolare dei migranti senza documenti, che vengono tenuti in condizione di invisibilità e di paura“.

Lo sfruttamento della manodopera, inoltre, “non è l’unico modo in cui l’illegalità invade la filiera alimentare italiana”, scrive Elver, che parla di “prodotti contaminati abbandonati nelle aree rurali, bruciati o versati nei fiumi”, così come di “mercati all’ingrosso in cui gli agricoltori sono costretti ad accettare prezzi così bassi da metterne in gioco la sopravvivenza”, Ci sono poi altre attività illegali: “L’acquisto di terra con soldi denaro frutto di attività illegali” e “l’uso frequente di fertilizzanti contraffatti o tossici, spesso spruzzati da lavoratori senza conoscenze né misure di sicurezza”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Contro Frank e l’algocrazia di Deliveroo. La strada per i diritti dei rider è finalmente aperta

next
Articolo Successivo

Coronavirus, ecco chi lo ha isolato: tutte donne del Sud, tra loro anche una giovane precaria

next