Dominic Thiem è il secondo finalista dell’Australian Open. Venerdì l’austriaco, numero 5 al mondo, ha battuto il tedesco Alexander Zverev in quattro set: 3-6, 6-4, 7-6 (7-3), 7-6 (7-4), giocati in 3 ore e 42 minuti. Per Thiem è la terza finale di un Grande Slam: le altre due al Roland Garros nel 2018 e nel 2019, perse entrambe. “Sapevo di dover essere concentrato – ha dichiarato a fine partita Thiem – e attendo e di dover dare il massimo: Sasha è un amico, aveva disputato una orribile Atp Cup ma qui stava giocando benissimo“. E poi ha aggiunto: “Nel primo set non ho iniziato benissimo poi ho cominciato a sentirmi meglio. I problemi nel quarto set? Avevo un po’ di mal di stomaco per la tensione. A volte mi capita, ma poi passa”.

In campo domenica a contendersi con lui il primo Grande Slam della stagione ci sarà il serbo Novak Djokovic, numero 2 del mondo, che ieri ha battuto in semifinale in tre set un Roger Federer non al meglio delle sue condizioni. Nelle sfide precedenti, il serbo è in vantaggio 6 a 4 sull’austriaco, ma è stato Thiem ad aggiudicarsi le ultime due sfide dello scorso anno, in semifinale al Roland Garros e nel round robin alle Atp Finals di Londra. Dal canto suo però Djokovic ha già trionfato 7 volte a Melbourne ed è a caccia del 17esimo sigillo in un torneo del Grande Slam. Per Thiem sarebbe il primo trionfo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Valentino Rossi, ultimo giro di giostra? Da Riva a Jordan fino a Borg, storie di campioni fuori tempo massimo. L’anomalia? Platini

next
Articolo Successivo

Kobe Bryant, il Nyt: “L’elicottero non aveva la certificazione per volare con la nebbia”

next