Dominic Thiem è il secondo finalista dell’Australian Open. Venerdì l’austriaco, numero 5 al mondo, ha battuto il tedesco Alexander Zverev in quattro set: 3-6, 6-4, 7-6 (7-3), 7-6 (7-4), giocati in 3 ore e 42 minuti. Per Thiem è la terza finale di un Grande Slam: le altre due al Roland Garros nel 2018 e nel 2019, perse entrambe. “Sapevo di dover essere concentrato – ha dichiarato a fine partita Thiem – e attendo e di dover dare il massimo: Sasha è un amico, aveva disputato una orribile Atp Cup ma qui stava giocando benissimo“. E poi ha aggiunto: “Nel primo set non ho iniziato benissimo poi ho cominciato a sentirmi meglio. I problemi nel quarto set? Avevo un po’ di mal di stomaco per la tensione. A volte mi capita, ma poi passa”.

In campo domenica a contendersi con lui il primo Grande Slam della stagione ci sarà il serbo Novak Djokovic, numero 2 del mondo, che ieri ha battuto in semifinale in tre set un Roger Federer non al meglio delle sue condizioni. Nelle sfide precedenti, il serbo è in vantaggio 6 a 4 sull’austriaco, ma è stato Thiem ad aggiudicarsi le ultime due sfide dello scorso anno, in semifinale al Roland Garros e nel round robin alle Atp Finals di Londra. Dal canto suo però Djokovic ha già trionfato 7 volte a Melbourne ed è a caccia del 17esimo sigillo in un torneo del Grande Slam. Per Thiem sarebbe il primo trionfo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Valentino Rossi, ultimo giro di giostra? Da Riva a Jordan fino a Borg, storie di campioni fuori tempo massimo. L’anomalia? Platini

next
Articolo Successivo

Kobe Bryant, il Nyt: “L’elicottero non aveva la certificazione per volare con la nebbia”

next