Multa da 228 milioni di euro in totale a Fastweb, Tim, Vodafone e Wind Tre. La decisione è dell’Antitrust che ha rilevato un’intesa anticoncorrenziale relativa alla modifica dei prezzi dopo il ritorno alla fatturazione mensile e non più a 28 giorni. A comunicarlo è la stessa Autorità con una nota: “Le indagini svolte – si legge – hanno permesso di accertare che i quattro operatori telefonici hanno coordinato le proprie strategie commerciali relative al passaggio dalla fatturazione quadrisettimanale (28 giorni) a quella mensile, con il mantenimento dell’aumento percentuale dell’8,6%. Tale coordinamento era sotteso a mantenere il prezzo incrementato, vanificando il confronto commerciale e la mobilità dei clienti”.

A marzo 2018, l’Antitrust aveva adottato delle misure proprio al fine di impedire l’intesa, attraverso l’utilizzo di particolari modalità e tempistiche. In questo modo avevano costretto gli operatori a riformulare le proprie strategie aziendali, non riuscendo così a portare a termine gli aumenti previsti per sopperire alle perdite dovute al passaggio alla fatturazione mensile.

Le sanzioni, spiega l’Autorità, hanno l’obiettivo di agire anche come deterrente rispetto a possibili future condotte concertate tra gli operatori. L’organo ha anche tenuto conto del fatto che gli effetti dell’intesa sono stati evitati grazie all’applicazione per la prima volta delle misure cautelari che hanno anche contribuito alla riduzione dei prezzi per i clienti.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Truffa sim swap, le banche: “L’addio alle chiavette token ha aumentato sicurezza. I clienti devono essere più attenti al phishing”

next
Articolo Successivo

Tim, multa da 27 milioni di euro per chiamate indesiderate. Garante Privacy: “Trattamenti illeciti di dati per marketing”

next