Ripartire da zero e nominare una nuova commissione che decida sul ripristino dei vitalizi al Senato. È quello che chiedono gli esponenti del Movimento 5 stelle dopo che Il Fatto Quotidiano ha pubblicato in eslusiva la notizia sulla delibera già pronta della commissione Contenziosa di Palazzo Madama. La camera di consiglio dell’organo interno al Senato che dovrà pronunciarsi sul taglio dell’assegno è fissata per il 20 febbraio. La commissione però ha già deciso: gli ex senatori riavranno i loro assegni fino all’ultimo centesimo. Sul Fatto in edicola, infatti, è raccontato come la sentenza sia già scritta: il Senato ripristinerà i vitalizi senza la sforbiciata imposta dal ricalcolo su base contributiva in vigore dal 1 gennaio 2019. Vuol dire che l’assegno sarà ripristinato per oltre 700 ex senatori, cancellando il risparmio da 22 milioni di euro all’anno.

“Nella Commissione Contenziosa, che deve esaminare più di 700 ricorsi degli ex senatori che chiedono di riavere i loro vitalizi, sembra esserci la volontà di accogliere questi ricorsi e ripristinare il più odioso tra i privilegi che la vecchia politica si è auto attribuita. E la cosa ancor più grave è che da quanto emerge sembra esserci una sentenza già scritta, senza che si sia tenuta ancora alcuna camera di consiglio”, è l’incipit del post pubblicato sul Blog delle Stelle. Dove si ricostruiscono le ultime puntate dell’iter che porterà la commissione a decidere. “Lo scorso 4 novembre era prevista la riunione decisiva, ma il clima che precedeva i lavori della Commissione e un forte sospetto di conflitto d’interessi per alcuni componenti spinsero la senatrice Elvira Evangelista a rassegnare le dimissioni. Già in quei giorni tutto lasciava pensare che la maggioranza dei 5 componenti avesse già maturato il convincimento che il privilegio dovesse tornare in vita e questo senza che i 5 giudici si fossero riuniti per esaminare i documenti e esporre le proprie tesi giuridiche nella Camera di Consiglio. Si capisce bene la gravità di un fatto del genere”, proseguono i 5 stelle.

Il post sul Blog rilancia le accuse di conflitto d’interessi già avanzate nei mesi scorsi da Paola Taverna: “Ma chi sono i 5 giudici nominati dalla presidente Casellati? Il presidente della commissione è Giacomo Caliendo, senatore di lungo corso di Forza Italia, vicino alla presidente e al suo capo di Gabinetto, l’ex senatore Nitto Palma. Sia Palma che Caliendo sono percettori di vitalizio. Un altro giudice, componente tecnico non senatore, è Cesare Martellino. Diversi quotidiani hanno ricostruito i suoi trascorsi professionali con Nitto Palma alla Procura di Roma, all’Ufficio indagini della Federcalcio e al Comitato organizzatore dei mondiali del ’90. Capite bene che questo intreccio desta fisiologici sospetti. Ecco i due motivi per cui Elvira Evangelista lasciò la commissione”.

A sostituire la senatrice dei 5 stelle è stata Alessandra Riccardi che “dopo aver seguito le istruttorie sui ricorsi ha chiesto il tempo necessario a studiare le carte e elaborare la linea giuridica ritenuta migliore. Per questo motivo – si legge ancora sul blog delle Stelle – la camera di Consiglio è stata fissata per il 20 febbraio. Ma come si può lavorare alla stesura di una posizione giuridica se emerge che la sentenza in toto o in buona parte è già scritta? Pertanto si ripropongono entrambi i motivi che rendevano poco credibile la riunione del 4 novembre”. Quindi ecco la richiesta dei grillini: “Adesso noi chiediamo che si riparta da zero e si recuperino la credibilità e la serenità necessarie a far lavorare bene la Commissione Contenziosa del Senato. Al suo interno devono essere nominati senatori eletti a partire dal 2013, perché loro, a differenza dei predecessori, non hanno diritto al vitalizio ma ad un trattamento contributivo. Anche i componenti tecnici devono essere al di sopra di ogni sospetto, liberi da qualsiasi legame che possa anche solo suscitare un dubbio di indipendenza di pensiero”. Quindi una nuova commissione che ricominci il lavoro dall’inizio. Lo stesso concetto viene ripetuto dal senatore M5s Primo Di Nicola: “A decidere di salvare il più odioso dei privilegi che la vecchia classe politica si è data è infatti un organo interno del Senato in pieno conflitto d’interessi. A cominciare dal presidente della Commissione Contenziosa, l’organo che sta decidendo se far tornare in vita i vitalizi, che da questo ribaltamento si avvantaggerebbe personalmente”. L’esponente dei 5 stelle spiega quindi quale è la richiesta indirizzata alla presidente Casellati: “Bisogna sciogliere l’organo in conflitto d’interessi e formarne uno nuovo con componenti senatori in grado di valutare e decidere in serenità e senza che ci siano di mezzo interessi personali”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum 2020 sul taglio dei parlamentari, la data scelta per il ‘salva-poltrone’ è il 29 marzo. Ora manca solo il decreto di Mattarella

next
Articolo Successivo

Vitalizi, Di Nicola (M5s): “Commissione in conflitto d’interesse, se Casellati continua a non riconoscerlo, intervenga Mattarella”

next