Dopo la morte di Kobe Bryant, una giornalista del Washington Post ha twittato un articolo nel quale si ricostruivano le accuse di stupro al cestista e per questo è stata sospesa dal quotidiano. Il tweet di Felicia Somnez ha provocato le proteste di numerosi utenti in Rete, con insulti e minacce di morte e di stupro. Alla fine la cronista è stata costretta a trasferirsi in albergo, dopo che il suo indirizzo di casa era stato diffuso online.

Poco dopo l’incidente d’elicottero in California che ha causato la morte di Black Mamba, la giornalista aveva postato un articolo che parlava delle accuse di violenza alla leggenda della Nba. Nel 2003 un’impiegata 19enne di un albergo in Colorado aveva affermato di essere stata stuprata in hotel dall’allora 24enne cestista. Mesi dopo l’arresto, poi revocato su cauzione, Bryant ammise che c’era stato un rapporto sessuale ma sostenne che era stato consensuale.

Ad agosto del 2004 la giovane aveva ritirato le accuse in cambio di una dichiarazione di scuse in tribunale e aveva poi ottenuto un risarcimento milionario da una corte civile. Bryant aveva scritto che si “scusava per le sofferenze” procurate: “Sebbene io creda fosse consensuale – aveva aggiunto – ora mi rendo conto che lei non pensava che lo fosse”.

Il Washington Post ha applicato alla giornalista un provvedimento di congedo amministrativo, con la motivazione che i suoi tweet “mostrano un errore di giudizio che ha minato il lavoro dei suoi colleghi”. Il quotidiano dovrà valutare se il post, poi eliminato, abbia violato le sue direttive ai giornalisti sull’uso delle reti sociali.

Felicia Somnez ha replicato così: “Alle 10mila persone che hanno commentato e scritto email con insulti e minacce di morte, prendetevi un minuto e leggete il pezzo, scritto oltre tre anni fa e non da me. Ogni figura pubblica andrebbe ricordata nella sua totalità, anche quando è amata da tutti”.

Il Wp Guild, sindacato dei dipendenti del gruppo del Washington Post, si è schierato con Somnez e ha chiesto che venga immediatamente reintegrata: “Una collega valorosa è stata censurata per aver riportato quello che è un dato di fatto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Australian Open, Nadal fuori ai quarti: battuto in 4 set da Thiem dopo 4 ore di partita

next
Articolo Successivo

Daniele De Rossi infiltrato in Curva Sud al derby: truccato e travestito è irriconoscibile. E allo stadio c’è anche Valerio Mastandrea

next