Annulla sette match point, supera un infortunio, vince al quinto set dopo una battaglia di 3 ore e mezza. Tutto questo, a 38 anni, è Roger Federer. Che nei quarti di finale dell’Australian Open batte lo statunitense Tennys Sandgren e regala al tennis un’altra pagina di storia. Lo svizzero conquista la semifinale al termine di una gara che ormai aveva perso: nel terzo set è costretto a uscire dal campo per un medical time out, per un problema muscolare alla coscia destra. Nel quarto set deve annullare 7 match point, di cui tre consecutivi. Nel quinto, nonostante l’età, domina e chiude l’incontro.

In semifinale affronterà Novak Djokovic: il serbo, numero 2 del mondo e seconda testa di serie, ha sconfitto il canadese Milos Raonic con il punteggio di 6-4, 6-3, 7-6 (7-1) in due ore e 40 minuti. Sarà la cinquantesima sfida tra i due campioni, con Djokovic che conduce 26-23.

Federer aveva cominciato come sempre, vincendo in scioltezza il primo set con un 6-3. Poi cominciano i problemi, fisici e non, e Sandgren riesce ad approfittarne vincendo due set in fila per 6- 6-2. Il quarto set si trascina al tie-break, che lo svizzero vince 8 a 6. I minuti di gioco scorrono e Federer invece di capitolare, risorge: il quinto parziale finisce 6 a 3. “Non meritavo questa vittoria, sono stato davvero fortunato, non so nemmeno io come ho fatto a vincere questa partita”, ha detto il campione svizzzero dopo il successo. “Non ho contato i match point del mio avversario ma a un certo punto la pressione è sparita e mi sono sentito meglio – ha aggiunto il numero 3 del mondo – Nella fase centrale della partita ho avuto un problema all’inguine e facevo fatica in fase difensiva, spero di recuperare al meglio per la semifinale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kobe Bryant, le lacrime dei fan a Los Angeles: fiori al centro sportivo fondato dal mito Nba

next