“Sì, in un periodo delicato della mia vita passata, era il 1980, ho pensato di farla finita. Ed è stato Lucio Dalla che mi ha salvato“. Antonello Venditti, ospite de ‘La Confessione’ venerdì 24 gennaio alle 22.45 su Nove racconta al giornalista Peter Gomez: “Si tratta di 40 anni fa, mi ero separato da mia moglie, mio figlio non lo vedevo, stava a Roma, ho lasciato tutto – racconta il cantautore romano – Non avevo soldi anche perché normalmente io i soldi li investo nella mia arte, o presunta…”. “Vera arte”, ribatte il giornalista. “Avevo speso tutti i miei soldi per andare in America e fare l’album ‘Buona domenica’ – prosegue Venditti – quindi non stavo molto bene ed ero solo come un cane, non potevo tornare a Roma”. Chi lo aiuta in quel periodo? “Due persone: io avevo uno studio che dividevo con Dalla e De Andrè. Quindi per me il sabato era penoso perché sia Lucio che De Andrè andavano a casa, o a Milano o a Genova De Andrè e Lucio andava a Bologna e io invece rimanevo solo. E avevo come unico sfogo la passione per le macchine e la velocità. Io davvero in quel periodo volevo togliermi la vita, senza però fare male a nessuno. Avrei voluto schiantarmi contro un albero”. E, poi, puntualizza: “E come mi ha salvato Lucio in concreto? Mi ha aiutato a trovare casa a Roma. La mia vita da lì cambiò. Ecco perché Dalla per me resta il mio angelo“.

‘La Confessione’ è prodotta da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play) e su sito e app di Loft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sono le Venti, Sgarbi sul Nove: “Farò il sultano di Forza Italia. Berlusconi è d’accordo, lui sarà il faraone”

next
Articolo Successivo

Sono le Venti torna stasera, ecco le anticipazioni di Peter Gomez. Appuntamento alle 19.53 sul Nove

next