Serve “una immediata e significativa inversione di tendenza” nei telegiornali, affinché sia garantito il rispetto dei “principi sanciti a tutela del pluralismo dell’informazione”. Dopo aver esaminato i dati dei tg relativi a dicembre 2019, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) ha deciso a maggioranza di scrivere a Rai, Mediaset, Sky Italia e La7 per ordinare una cambio di rotta “rispetto a quanto rilevato nel trimestre settembre-novembre 2019“. Una decisione arrivata dopo che nell’ultimo mese – dicembre 2019 – questa inversione di tendenza non si è vista, anzi l’Agcom “ha accertato il permanere delle criticità: in particolare, i tempi fruiti da alcuni soggetti politici non sono risultati coerenti con le rispettive rappresentanze parlamentari”.

Per l’andamento registrato nel trimestre settembre-novembre, le società erano state già invitate, con comunicazione trasmessa il 30 dicembre, ad “assicurare, pur nel rispetto della libertà editoriale e alla luce dell’attualità della cronaca, un equilibrato accesso di tutti i soggetti politici al fine di garantire un’informazione completa e imparziale“. Il Consiglio dell’Autorità, relatore Antonio Nicita, ha pertanto deciso di rivolgere alle società – a maggioranza e con il voto contrario dei Commissari Antonio Martusciello (Forza Italia) e Francesco Posteraro -quest’ultimo perché in dissenso sul termine per la verifica dell’ottemperanza ai provvedimenti dell’Autorità – un ordine affinché provvedano ad assicurare nei notiziari una immediata e significativa inversione di tendenza.

Nel trimestre in corso (dicembre 2019 – febbraio 2020) – sottolinea la nota Agcom – “dovrà dunque essere garantita un’informazione equilibrata e un effettivo e rigoroso rispetto del principio della parità di trattamento tra i soggetti politici, che tenga conto del grado di rappresentatività di ciascun soggetto politico, anche con riferimento al rapporto dei tempi fruiti tra i diversi soggetti politici, nel rispetto dell’autonomia editoriale e giornalistica e della correlazione dell’informazione ai temi dell’attualità e della cronaca politica”.

Proprio oggi il deputato di Italia Viva e segretario della commissione di Vigilanza Rai, Michele Anzaldi, ha scritto una lettera al presidente dell’Agcom, Angelo Marcello Cardani, riguardo all’intervista rilasciata da Matteo Salvini al Tg2: “Poiché mancano meno di dieci giorni al voto, alla luce dei continui servizi dedicati in queste settimane e in particolare in questi giorni dal Tg2 agli appuntamenti elettorali di Salvini in Emilia Romagna e in Calabria, chiedo se non sia opportuna una rapida valutazione dell’Authority per appurare se sia stata violata o meno la Par condicio elettorale ed eventualmente procedere con i doverosi riequilibri e le doverose sanzioni”, denuncia Anzaldi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili