“Tutti erano convinti e tutti speravano in una sentenza assolutoria che finalmente potesse spazzare via anni e anni di inchieste. È una verità che era ed è troppo scomoda per essere ricordata. Mentre saltavano in aria i nostri giudici, una parte dello Stato cercava Totò Riina e i suoi successori per capire cosa volessero per fermare quest’escalation di violenza”, così l’ex pm di Palermo, ora al Csm, Nino Di Matteo, in un dibattito a Milano durante la presentazione del libro “Il Patto sporco”, edito da Chiarelettere, insieme al vicedirettore de Il Fatto Quotidiano Marco Lillo, commenta la sentenza sulla cosiddetta Trattativa Stato-Mafia. “Delle stragi sappiamo tanto ma non sappiamo ancora tutto. Tutti dovrebbero fare uno sforzo decisivo per capire se assieme agli uomini di cosa nostra nelle stragi ebbero un ruolo soggetti non mafiosi, come io ritengo che sia molto probabile. La politica ha dimenticato. La grande stampa ha dimenticato”, afferma Di Matteo. E sulla figura di Bettino Craxi, di cui ricorre in questi giorni l’anniversario della morte, continua: “Questo paese ha il vizio della scarsa memoria, soprattutto i cittadini non vengono aiutati a coltivare la memoria”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Processo Trattativa, il boss Bagarella morde un agente prima dell’udienza: finiscono entrambi in infermeria

next
Articolo Successivo

Foggia, contro la mafia anche il sindacato di polizia Siulp. Stavolta sì che lo Stato è presente

next