Da una parte la ministra delle infrastrutture Paola De Micheli che difende la decisione del governo di cancellare per decreto le penali da versare al concessionario in caso di revoca per inadempimento. E nega sia che equivalga a una modifica unilaterale dei contratti, come lamentato dai soci stranieri di Autostrade per l’Italia, sia che ci siano dubbi di costituzionalità, come sostengono i costituzionalisti arruolati dall’Aiscat. Dall’altra i vertici di Aspi che, nell’estremo tentativo di dribblare la revoca, danno via libera a un piano strategico per il quadriennio 2020-2023 che prevede mille assunzioni e ben 7,5 miliardi tra investimenti e manutenzione. Risorse con cui il gruppo promette di ammodernare tutti i “principali asset strategici della rete come ponti, viadotti, cavalcavia, gallerie, pavimentazioni, barriere di sicurezza” oltre a digitalizzare tutti i processi e gli asset. Alla fine “tutta la rete sarà monitorata attraverso Intelligenza artificiale”.

Le audizioni sul Milleproroghe: la De Micheli nega dubbi di costituzionalità – Giovedì, mentre il cda di Autostrade era riunito per approvare le linee guida del piano, davanti alle commissioni riunite Affari costituzionali e Bilancio della Camera sono sfilati la ministra, la lobby delle autostrade (Aiscat) e l’Anas. La De Micheli ha spiegato che con la norma sulle concessioni autostradali contenuta nel Milleproroghe “si è provveduto ad eliminare attraverso una disposizione di legge una situazione di privilegio attribuita, sempre per legge, ad alcuni concessionari“. Mentre “non vi è stata alcuna violazione del principio ‘pacta sunt servanda‘ né una modifica, in senso retroattivo, di una regolamentazione di tipo pattizio”. E “l’operato del governo è pienamente rispettoso delle previsioni costituzionali“. La decisione sulla revoca della concessione comunque non è ancora stata presa: la ministra sta terminando la relazione finale da presentare al resto dell’esecutivo. “Lo porterò in cdm quando saremo pronti, con il corredo di tutti i pareri necessari”, ha confermato il premier Giuseppe Conte.

L’offerta di Aspi: 7,5 miliardi in quattro anni – Intanto il gruppo, come anticipato dal nuovo ad Roberto Tomasi, mette sul piatto un maxi piano di investimenti. Stando al quale più di metà dei “13 miliardi in 18 anni” annunciati da Tomasi verranno spesi entro il 2023. In particolare, salgono a 1,6 miliardi di euro le spese in manutenzione (2 miliardi considerate anche le spese del 2019), con un aumento del 40% rispetto al quadriennio precedente, “in linea con le interlocuzioni con il Mit”. “Tali risorse – spiega la nota – consentiranno di portare a compimento entro i prossimi 4 anni un piano di ammodernamento dei principali asset strategici della rete come ponti, viadotti, cavalcavia, gallerie, pavimentazioni, barriere di sicurezza, ecc. Previsti inoltre ampliamenti e potenziamenti su 30 km della rete esistente, con apertura al traffico entro il 2023″. Parallelamente scatta un programma di assunzioni di 1000 persone tra ingegneri, tecnici, operai, addetti autostradali ed esattori che saranno impiegati per la realizzazione delle principali attività contenute nel piano.

La ministra: “Nessuna volontà espropriativa” – “Non c’è alcun tipo di volontà espropriativa“, ha continuato la De Micheli, che nei giorni scorsi aveva smentito l’esistenza di un “piano B” con una maxi multa al posto della revoca, “ma solo l’esigenza di assicurare che l’inadempimento degli obblighi assunti determini conseguenze anche per il patrimonio dell’inadempiente così come previsto per la generalità dei consociati”. In particolare “si è inteso ristabilire un giusto equilibrio tra l’interesse pubblico e quello privato, fortemente sbilanciato a favore del concessionario. Sempre nell’ottica di eliminare gli squilibri nei rapporti con i concessionari, si è stabilito che l’efficacia dei provvedimenti di revoca, decadenza o risoluzione della convenzione non sia subordinata al pagamento dell’indennizzo eventualmente dovuto al concessionario, consentendo in tal modo al concedente di rientrare nella piena disponibilità del bene pubblico (ove restituito nella sua integralità dal concessionario – custode) ed al suo affidamento ad un nuovo operatore economico”.

Anas: “Noi pronti ad affrontare qualsiasi compito” – L’ad dell’Anas Massimo Simonini dal canto suo ha garantito che il gruppo è “in grado di affrontare qualsiasi compito richiesto dal governo, come ha già fatto con le strade rientrate dalle Regioni e dalle Province”. Nessun problema, dunque, se alla società pubblica fosse chiesto di subentrare ad Aspi su alcune tratte o sull’intera rete. Come previsto dallo stesso Milleproroghe, che in caso di revoca di una concessione stabilisce l’affidamento temporaneo ad Anas in attesa del nuovo affidamento. Su questa base verranno “molto molto probabilmente acquisite da Anas” due concessioni “già in fase di transazione, Sat e Ragusa-Catania“, ha anticipato De Micheli.

I costituzionalisti in audizione con Aiscat – I costituzionalisti che hanno accompagnato in audizione il direttore generale dell’Aiscat hanno attaccato la norma che taglia il risarcimento sostenendo innanzitutto che inserirla in un decreto legge viola la Carta in quanto mancano i presupposti di necessità e urgenza e l'”omogeneità” di contenuti. La presenza di quelle novità in materia di concessioni “risulta violativa dell’art. 77 della Costituzione”, ha detto Massimo Luciani, ordinario di Istituzioni di diritto pubblico a La Sapienza. Luciani ha aggiunto che l’intervento normativo “è inteso ad avvantaggiare la sola parte concedente, laddove dispone l’inefficacia delle clausole negoziali e la loro sostituzione con una disciplina di maggior favore, a meno che le stesse pattuizioni non siano già più favorevoli – appunto – per il concedente”. Nel merito, secondo il docente della Sapienza anche la “esclusione di qualsiasi possibile debenza a titolo di ‘lucro cessante’ si espone a dubbi di costituzionalità per violazione dei princìpi d’eguaglianza e di ragionevolezza ex art. 3″. E’ una norma “terribilmente illegittima”, ha affermato poi Giuseppe Franco Ferrari, professore di diritto Costituzionale alla Bocconi, “e qualora giungesse alla Corte Costituzionale sarebbe bocciata”. Dello stesso avviso Francesco Saverio Marini, professore di istituzioni di diritto pubblico a Tor Vergata l, Giovanni Guzzetta, professore di diritto pubblico a Tor Vergata, e Mario Esposito, professore di diritto costituzionale all’università di Salerno. “Non c’è alcuna violazione del principio di uguaglianza, di retroattività della legge, di certezza del diritto e libertà dell’iniziativa economica”, ha replicato la De Micheli. “Il 9 gennaio l’Aula respinto le questioni pregiudiziali sul punto”.

Gli esposti alla Ue dei soci di Autostrade – I soci di Autostrade dal canto loro contestano la “modifica unilaterale dei contratti” decisa dal governo. Anche il gruppo assicurativo tedesco Allianz, dopo il fondo sovrano di Singapore e il fondo cinese Silk Road Fun, ha presentato alla Commissione Ue un esposto in cui contesta il presunto contrasto con la normativa comunitaria, che garantisce il rispetto dei contratti in essere e la loro non modificabilità unilaterale da parte di un esecutivo di un Paese membro. Nell’esposto verrebbe inoltre segnalata la violazione del principio comunitario ‘pacta sunt servanda‘, che fu alla base della procedura di infrazione aperta nel 2006 da Bruxelles nei confronti dell’Italia, quando l’allora ministro Antonio Di Pietro modificò i contratti di concessione autostradale per legge. I soci esprimono “seria preoccupazione per noi e per l’intera comunità degli investitori in quanto compromette del tutto la prevedibilità normativa, scoraggiando gli investimenti e restringendo senza giustificazione la libera circolazione dei capitali”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Eni, sanzione di 5 milioni dall’Antitrust per pubblicità ingannevole: definisce il suo diesel “green” ma “è altamente inquinante”

next
Articolo Successivo

Autostrade: “Con la revoca rischio default”. Buffagni: “Il governo non si fa ricattare. Investimenti? Normalità spacciata per favore”

next