Scontro in Giunta per le immunità del Senato sul caso Gregoretti, relativo alla richiesta dei magistrati del tribunale di Catania di mandare a processo Matteo Salvini per il caso della nave Gregoretti. La maggioranza giallorossa ha attaccato il presidente, il forzista Maurizio Gasparri, di non essere stato imparziale per aver partecipato alle votazioni, schierandosi con le opposizioni di centrodestra su una richiesta di istruttoria presentata dal senatore M5S Mattia Crucioli, nonostante le assenze di Michele Giarrusso e Pietro Grasso, in missione negli Usa con la commissione Antimafia. “Gasparri, che fino a ieri ha detto che questo è un organo giurisdizionale e imparziale, si è comportato in maniera più politica degli altri, perché ha messo al voto una istanza istruttoria molto importante per valutare i documenti sulla salute dei migranti soprattutto dopo lo sbarco. La richiesta è finita a parità di voti e lui ha ritenuto di respingerla, votando anche lui con una parte politica ben precisa”, ha sottolineato Elvira Evangelista, capigruppo del M5s in Giunta. Per poi affondare contro il senatore forzista: “Sto accusando Gasparri di non essere stato un presidente imparziale”. “Ha fatto una scorrettezza istituzionale”, ha evidenziato il senatore di Italia Viva, Francesco Bonifazi.

Accusato di parzialità, Gasparri si è difeso: “Sono stato correttissimo. Mi attengo a un calendario votato all’unanimità. Io sono anche il relatore, se avessi ritenuto mancanti l’incartamento o altri approfondimenti istruttori, avrei dovuto dirlo io per primo. A mio avviso le carte erano sufficienti…Quindi incoerenza con il mio lavoro”, ha poi aggiunto Gasparri, motivando il suo voto contrario alla richiesta della maggioranza. E sul voto, inusuale per prassi in quanto presidente, ha tagliato corto: “Ho facoltà di votare in Giunta…”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Pd, Guerini: “Dobbiamo aprirci, ma senza perdere ambizione riformista. LeU? Sbagliato pensare a un ritorno di fiamma”

next
Articolo Successivo

2xmille ai partiti, in aumento gli italiani che donano alla politica: Pd in vetta, crescono Lega e Fdi. Balzo dei Verdi nell’anno di Greta Thunberg

next