Per Michele Bravi questo poteva essere il Festival di Sanremo della rinascita, dopo un periodo difficilissimo e buio in seguito all’incidente stradale a Milano nel quale ha perso la vita una donna nel novembre 2018. La procura di Milano ha chiesto il rinvio a giudizio con l’accusa di omicidio stradale. Qualcosa deve essere andato storto per quanto riguarda il Festival. Forse la canzone non sarà piaciuta ad Amadeus, direttore artistico e conduttore del Festival, ma una cosa è certa: Bravi aveva presentato un brano e non è stato scelto nella lista dei 24 Big. A rivelarlo è il settimanale “Chi”. I fan si sono riversati sui social indignati, lasciando commenti non feroci ma contenuti, per l’esclusione e tra i commenti si legge “poteva essere il tuo riscatto”, “con tutto rispetto per Amadeus non capiamo il perché”, “peccato per Michele, avrebbe dato molto al Festival”.

Il cantante è tornato alla musica, dopo un lungo percorso personale, esibendosi lo scorso ottobre, in una serie di toccanti concerti al Teatro San Babila di Milano. “Avevo paura, mi sono fatto mille paranoie, avevo bisogno di amore”, aveva detto in quell’occasione raccontando il suo ritorno alle scene. La sua partecipazione al Festival di Sanremo avrebbe messo a segno un altro tassello nel tragitto musicale di Michele Bravi, nell’ottica anche di mandare un messaggio positivo e di riscatto per se stesso e per il grande pubblico di Rai Uno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Apple iPhone 11 rosso da 128 GB in offerta su Amazon con sconto dell’11%

next
Articolo Successivo

Salvini: “Giornalisti non capiscono, io e Borgonzoni separati perché due incontri sono meglio di uno”. Ma lui è a quota 42 comizi, lei 23

next