“Non sono stati sviluppati strumenti e metodologie per indirizzare l’erogazione del credito secondo criteri di redditività corretta del rischio”. Non solo: “Acritico recepimento dei piani finanziari prospettati dalle controparti a supporto delle richieste di affidamento senza verificarne la tenuta ipotizzando scenari meno favorevoli”. E ancora: anche tendenza alla sottostimare “la rischiosità della clientela”.

Sono alcuni dei rilievi mossi dalla Vigilanza nel 2016 – di cui dà conto Il Sole 24Ore – nei confronti di decine di prestiti elargiti dalla Banca Popolare di Bari a una ventina di società. In linea generale, gli ispettori di Bankitalia avevano censurato la pratica e per alcuni debitori hanno avanzato contestazioni specifiche nei confronti del management dell’istituto di credito salvato dal Fondo interbancario e dal Mediocredito centrale, rifinanziato con 700 milioni dal governo.

Perché, già tre anni fa, l’analisi a campione di alcuni posizioni aveva fatto emergere “sofferenze per 1,9 miliardi, inadempienze probabili per 1,3 miliardi e previsioni di perdita per 1,6 miliardi”. Tra le società più note che sono finite sotto la lente della Vigilanza – e ora alcune anche della magistratura barese che ha aperto diverse inchiesta coordinate dall’aggiunto Roberto Rossi – ci sono Parnasi e Maiora Group, Rummo e la società Roma Global Services della famiglia Angelucci, che fa sapere di aver “integralmente rimborsato ogni anticipazione ricevuta, ivi compresi gli interessi dovuti”. Una smentita dello stesso tenore è giunta anche dal noto pastificio.

Particolari i casi delle società Design 2000 e Isoldi spa, la prima con metà dei suoi 1,2 milioni di prestiti in sofferenza e la seconda con un rapporto simili e cifre molto più alte. Su 30 milioni concessi alla Isoldi, coinvolta già nel dissesto di Etruria, erano ben 17 quelli in sofferenza. Nell’elenco compaiono anche i casi, già noti, del gruppo Fusillo e del gruppo Nitti che ha chiesto 13 milioni, di cui oltre 5 sarebbero ritenuti irrecuperabili.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Popolare di Bari, Arcuri (Invitalia): “Decreto non è salvataggio, serve ad alleviare la maggior difficoltà di accesso al credito nel Sud”

next
Articolo Successivo

Monte dei Paschi, nel 2019 torna in rosso per la svalutazione di attività fiscali differite: impatto negativo per 1,2 miliardi

next