“Non sono stati sviluppati strumenti e metodologie per indirizzare l’erogazione del credito secondo criteri di redditività corretta del rischio”. Non solo: “Acritico recepimento dei piani finanziari prospettati dalle controparti a supporto delle richieste di affidamento senza verificarne la tenuta ipotizzando scenari meno favorevoli”. E ancora: anche tendenza alla sottostimare “la rischiosità della clientela”.

Sono alcuni dei rilievi mossi dalla Vigilanza nel 2016 – di cui dà conto Il Sole 24Ore – nei confronti di decine di prestiti elargiti dalla Banca Popolare di Bari a una ventina di società. In linea generale, gli ispettori di Bankitalia avevano censurato la pratica e per alcuni debitori hanno avanzato contestazioni specifiche nei confronti del management dell’istituto di credito salvato dal Fondo interbancario e dal Mediocredito centrale, rifinanziato con 700 milioni dal governo.

Perché, già tre anni fa, l’analisi a campione di alcuni posizioni aveva fatto emergere “sofferenze per 1,9 miliardi, inadempienze probabili per 1,3 miliardi e previsioni di perdita per 1,6 miliardi”. Tra le società più note che sono finite sotto la lente della Vigilanza – e ora alcune anche della magistratura barese che ha aperto diverse inchiesta coordinate dall’aggiunto Roberto Rossi – ci sono Parnasi e Maiora Group, Rummo e la società Roma Global Services della famiglia Angelucci, che fa sapere di aver “integralmente rimborsato ogni anticipazione ricevuta, ivi compresi gli interessi dovuti”. Una smentita dello stesso tenore è giunta anche dal noto pastificio.

Particolari i casi delle società Design 2000 e Isoldi spa, la prima con metà dei suoi 1,2 milioni di prestiti in sofferenza e la seconda con un rapporto simili e cifre molto più alte. Su 30 milioni concessi alla Isoldi, coinvolta già nel dissesto di Etruria, erano ben 17 quelli in sofferenza. Nell’elenco compaiono anche i casi, già noti, del gruppo Fusillo e del gruppo Nitti che ha chiesto 13 milioni, di cui oltre 5 sarebbero ritenuti irrecuperabili.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Popolare di Bari, Arcuri (Invitalia): “Decreto non è salvataggio, serve ad alleviare la maggior difficoltà di accesso al credito nel Sud”

next
Articolo Successivo

Monte dei Paschi, nel 2019 torna in rosso per la svalutazione di attività fiscali differite: impatto negativo per 1,2 miliardi

next