L’integrazione salariale del 10% ai cassintegrati nelle aree di crisi complessa, alla fine, è scomparso dal decreto Milleproroghe. Carenze di coperture, la versione informale. Di certo un problema per chi, come i 1.600 operai ex Ilva rimasti in carico all’amministrazione straordinaria, vedrà l’assegno ridursi dal mese in corso. Per questo un gruppo di lavoratori aderenti al sindacato Usb ha occupato dall’alba di martedì la bretella stradale tra il siderurgico ArcelorMittal di Taranto e la raffineria Eni, nei pressi del varco mezzi pesanti, bloccando l’accesso ai cancelli.

E tutte le altre sigle sindacali chiedono “chiarezza” e “rispetto degli impegni” al governo Conte 2, ricordando che l’integrazione è prevista da due accordi firmati in sede ministeriale, compreso quello del 6 settembre 2018 con ArcelorMittal che diede il via libera al passaggio degli stabilimenti alla multinazionale dell’acciaio.

Fim, Fiom e Uilm di Taranto hanno inviato una lettera al premier Giuseppe Conte e ai ministri del Lavoro e dello Sviluppo Economico, Nunzia Catalfo e Stefano Patuanelli, chiedendo un “intervento immediato” per “fare chiarezza e, soprattutto, dare risposte ad impegni già assunti all’interno del Milleproroghe” e poi saltati all’ultimo minuto.

I sindacati ricordano di aver sottoscritto il 27 febbraio di ormai tre anni e successivamente il 6 settembre 2018 “un accordo, in sede ministeriale, che prevede una cassa integrazione straordinaria per i lavoratori di Ilva in amministrazione straordinaria” con “la garanzia dell’integrazione per tutta la durata del periodo di commissariamento”.

È possibile che la norma venga inserita nel decreto Cantiere Taranto, che avrebbe dovuto essere approvato prima di Natale dal Consiglio dei ministri. Il testo però non è mai arrivato a Palazzo Chigi e, come ha raccontato Ilfattoquotidiano.it, l’esecutivo era a caccia delle coperture per oltre la metà dei 21 articoli di cui è composto il provvedimento. All’appello mancavano oltre 200 milioni di euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Articolo 18, Speranza (Leu): “Ripristinarlo e rivedere il Jobs Act”. La replica di Marcucci (Pd): “Non si tocca, spingere sulla crescita”

next
Articolo Successivo

Mercatone Uno, prorogata al 23 maggio la cassa integrazione straordinaria per 1.689 lavoratori. “Trattative in corso per la cessione”

next