Sono tornati in libertà l’ex consigliere regionale della Calabria ed ex sindaco di Amantea Franco La Rupa ed il figlio Antonio, arrestati nel dicembre scorso dai finanzieri del Comando provinciale di Cosenza per truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, frode nell’esercizio del commercio, trasferimento fraudolento di valori, autoriciclaggio, calunnia e tentata estorsione.

Il tribunale della Libertà di Catanzaro, accogliendo i ricorsi dei legali dei due, ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Paola, disponendo la scarcerazione per Franco La Rupa e la revoca dei domiciliari per il figlio. I due sono indagati in un’inchiesta della Procura di Paola – denominata “Mosca bianca” – con l’accusa di commercializzare falso olio biologico ottenuto con prodotti chimici e fitosanitari e di reimpiegare i proventi della frode per l’acquisto di un immobile oggetto di asta fallimentare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cosenza, l’imprenditrice che ha fatto arrestare la prefetta: “Per me è stato fondamentale l’appello di Gratteri ai calabresi onesti”

next
Articolo Successivo

Tangenti Lombardia, udienza preliminare il 17 febbraio. In 71 verso il processo per corruzione e altri reati

next