Una ragazza di 14 anni è morta la sera di Capodanno a Sassari per una meningoencefalite batterica, non da meningococco. Non essendo una forma di meningite riconducibile ad un virus non è contagiosa, perciò le autorità sanitarie non hanno attivato i protocolli di profilassi. La ragazza è stata portata all’ospedale civile della città il 29 dicembre, quando era già grave: le sue condizioni sono progressivamente peggiorate fino al decesso. I familiari della ragazza hanno autorizzato la donazione degli organi.

La dottoressa Paola Murgia, coordinatrice donazioni e trapianti Santissima Annunziata, rassicura: “Assolutamente non c’è rischio di contagio. Il processo della donazione prevede tutto un percorso di valutazione di idoneità degli organi in cui intervengono non solo tutti i professionisti sanitari dell’ospedale, ma anche quelli del centro regionale per i trapianti e della rete di sicurezza del centro nazionale trapianti, che si avvale di massimi esperti”. L’espianto ha riguardato polmoni, fegato e reni. “Le indagini di laboratorio e strumentali hanno dichiarato l’idoneità degli organi al prelievo e al trapianto. Quindi – aggiunge la dottoressa Murgia – grazie al lavoro della rete trapiantologica è possibile che, anche in presenza di patologie del genere, si possa arrivare alla donazione e al trapianto”. La dottoressa Murgia poi ha ringraziato i familiari per “il bellissimo gesto d’amore compiuto dalla famiglia della piccola paziente, che ha salvato tante vite”.

La notte precedente, il 31 dicembre, era morta a Genova una donna di 36 anni, per una sospetta sepsi-meningite da meningococco. Il decesso è avvenuto al Policlinico San Martino di Genova, poco prima della mezzanotte. In questo caso ai parenti è stata somministrata profilassi antibiotica. L’ospedale ha avviato tutti gli accertamenti clinico microbiologici per confermare la diagnosi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Monopattini elettrici, ora possono circolare come le biciclette. Stop alle multe, casco non obbligatorio ma consigliato

next
Articolo Successivo

Napoli, petardo lanciato contro un’ambulanza. La Croce Rossa: “Fatti che non avvengono neppure nei territori di guerra”

next