È partita puntuale, come da programma, la Starliner, la navetta costruita dalla Boeing per la Nasa. La navicella ha lasciato la base di Cape Canaveral, in Florida alle 6,36 ora locale, 12,37 ore italiane. Ma qualcosa è andato storto. La capsula, diretta alla Stazione Spaziale Internazionale, per via di un’anomalia legata al sistema automatizzato “ha bruciato più carburante del previsto per mantenere un controllo preciso”, e quindi non è entrata nell’orbita prevista, non riuscendo a raggiungere la stazione al comando di Luca Parmitano, dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa).

La navetta non è però perduta e si sta lavorando per farla rientrare a Terra, nella base dell’Esercito Usa di White Sands nel Nuovo Messico nel giro di 48 ore. “Abbiamo programmato il rientro a White Sands entro due giorni – ha precisato Jim Chilton della Boeing nella conferenza stampa congiunta con la Nasa – se potremo stare più a lungo e fare più test, lo faremo”.

Video Twitter/Nasa

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Influenza, per l’Istituto Superiore di Sanità è epidemia: oltre un milione di casi da metà ottobre

next
Articolo Successivo

Nasa, la capsula Starliner torna sulla Terra: aveva fallito l’aggancio alla Iss. Le immagini dell’atterraggio

next