L’Australia tocca un nuovo record delle temperature per il il secondo giorno consecutivo, con una temperatura nazionale media di 41,9 gradi Celsius (107,4 Fahrenheit), un grado superiore rispetto al record precedente. Centinaia i roghi: 2.500 vigili del fuoco sono al lavoro per cercare di domarli. Almeno 40 case sono già state distrutte dalle fiamme in New South Wales nelle ultime ore.

l Bureau of Meteorology (Agenzia del governo australiano) ha dichiarato la nuova massima media nazionale raggiunta ieri, un grado oltre i 40,9 gradi raggiunti martedì, che già avevano battuto il precedente record di 40,3 C “stabilito” a gennaio 2013. L’Ufficio meteorologico australiano ha precisato che ieri è stata anche registrata la temperatura più alta di dicembre: 49,8 gradi nella città di Eucla, Australia occidentale. Il record precedente era stato segnato nel 1972 con 49,5 gradi a Birdsville, nel Queensland.

Le autorità locali riferiscono che al momento sono 106 i roghi attivi nello stato più popoloso d’Australia; dall’inizio della stagione degli incendi sono state distrutte 800 case.”Gli incendi boschivi stagionali si verificano sempre in Australia, ma le condizioni più calde e più asciutte dovute ai cambiamenti climatici hanno aumentato la frequenza degli incendi e la loro gravità”, ha affermato Andy Pitman, esperto di clima presso l’Università del New South Wales a Sydney. Gli fa eco Richie Merzian, direttore del programma per il clima e l’energia presso l’Australia Institute: “L’Australia è letteralmente in fiamme in questo momento e questo è chiaramente legato ai cambiamenti climatici in termini di gravità e durata”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Usa, Trump messo sotto impeachment per abuso di potere e ostruzione al Congresso: la Camera approva con 230 sì

next
Articolo Successivo

Catalogna, la Corte di Giustizia dell’Ue contro l’arresto di Oriol Junqueras: “Gode dell’immunità da europarlamentare”

next