“La proposta che il ministro Bonafede ha messo sul tavolo da tempo non offre quelle garanzie di ragionevole durata del processo”. A dirlo è Walter Verini, deputato del Partito democratico. “Abbiamo avanzato controproposte che da un lato garantiscono tempi ragionevoli per lo Stato e per i cittadini e che dall’altro lato rendono ininfluenti le parti che per noi sono inaccettabili della riforma della prescrizione”.

“Da un lato, in alcuni ambienti politico-culturali, c’è un estremismo giudiziario, per capirci ‘manettaro’, e dall’altro un ‘garantismo peloso’, come le posizioni del deputato Costa. Il Pd ha cercato d’impostare nella scorsa legislatura il tema della giustizia cercando di tenere insieme tutti i principi costituzionali e credo – conclude Verini – che questa sia la strada da seguire anche per quella che io chiamo ‘nuova agenda di governo’ per i prossimi mesi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alitalia, Fassina: “Grave e inaccettabile che decreto sia stato infilato nella legge di Bilancio”. E ribadisce critiche sul fondo salva-Stati

next
Articolo Successivo

Decreti Sicurezza, Radicali: “Governo li cambi come chiesto da Mattarella”. Fiano (Pd) e Palazzotto (LeU): “Vanno totalmente abrogati”

next