Il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, entrando a Montecitorio per l’audizione in commissione Affari Costituzionali e Difesa riunite, ha commentato con i cronisti la richiesta del Partito democratico di varare una norma sulla ragionevole durata dei processi, che garantisca tempi certi a procedimenti. “La mia proposta l’ho già presentata a inizio ottobre e al Pd che chiede lealtà, se si vuole dare tempi certi al processo, io ho dato la mia disponibilità mille volte. Continuo a sentire varie dichiarazioni – continua Bonafede – ma quello che ci chiedono i cittadini sono processi brevi“. Ma se questa norma il governo la varerà prima o dopo la data del primo gennaio, data nella quale entrerà in vigore la riforma della prescrizione, il ministro tentenna: “Non dipende solo da me. Io il mio impegno di presentare una legge che potesse garantire tempi certi del processo penale alle forze di maggioranza l’ho già mantenuto, ora – spiega il Ministro – se si vuole lavorare su questa proposta per me possiamo andare subito in consiglio dei ministri”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Animali, Michela Brambilla con un maiale davanti a Montecitorio: “Stop gabbie e sofferenza”

prev
Articolo Successivo

Rifiuti Roma, la Regione impone alla Raggi di scegliere tra sette siti da trasformare in discarica. Ma potrebbe impugnare l’ordinanza

next