Come già noto dallo scorso anno, a dicembre 2019 Microsoft terminerà il supporto per Windows 10 Mobile. Questo significa che l’ormai defunto sistema operativo per smartphone il cui sviluppo era già terminato a ottobre del 2017, non riceverà più nemmeno gli aggiornamenti di sicurezza. Questo, assieme all’ormai inesistente supporto da parte degli sviluppatori di app, pone la definitiva pietra tombale sul sistema operativo. Adesso dunque ai possessori non resta che prendere atto della situazione e accettare di passare a un’altra piattaforma, iOS o Android.

Un problema per i tanti appassionati che, soprattutto in Italia, hanno sempre premiato questa soluzione, specialmente nel periodo in cui fu abbinata agli smartphone Nokia, da sempre molto apprezzati dai nostri connazionali. Nel suo periodo di massimo splendore, infatti, nel nostro Paese Window 10 Mobile aveva raggiunto vette superiori al 15 %, sorpassando perfino l’iPhone, ma ancora nel 2018, secondo i dati di Kantar, gli italiani che utilizzavano il sistema operativo mobile Microsoft erano ancora quasi 2 su 100, percentuale poi crollata quest’anno, in cui si registra ormai uno 0,3% di mercato.

Foto: Depositphotos
Foto: Depositphotos

Innovativo per molti versi, Windows 10 Mobile ha pagato lo scotto di essere giunto sul mercato fuori tempo massimo per poter davvero competere con Apple e Android, soffrendo anche dello scarso supporto da parte degli sviluppatori, con conseguente mancanza cronica di app, anche importanti.

Fortunatamente comunque le alternative non mancano, soprattutto in ambito Android, dov’è sicuramente più semplice reperire smartphone dal vantaggioso rapporto tra prezzo e prestazioni, basti pensare ai tempi dispositivi Huawei, Xiaomi, Redmi o Realme, senza contare che i più nostalgici potranno sempre usufruire di una delle diverse app esistenti che trasformano l’interfaccia di Android in quella di Windows 10 Mobile, alcune delle quali funzionano davvero molto bene.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Acer Aspire 3 A315, notebook 15 pollici in sconto del 27% su Amazon

next
Articolo Successivo

Microsoft Surface Pro 7 o Pro 6, quale tablet conviene acquistare?

next