Circa 5mila persone sono scese in piazza a Taranto per protestare controil piano di licenziamenti sostenuto dalla multinazionale franco-indiana AcelorMittal all’ex Ilva. Numerosa sia la presenza dei lavoratori tarantini dell’Unione sindacale di base sia quelli degli studenti, che sono scesi in piazza associando la mobilitazione dello sciopero globale per il clima (Fridays for Future) per chiedere una soluzione concreta al problema dell’inquinamento e dell’occupazione nel capoluogo tarantino. Prima della manifestazione i lavoratori dell’ex Ilva hanno organizzato uno sciopero che ha riscontrato un’alta adesione: i principali ingressi del polo siderurgico sono stati picchettati sin dalle prime luci dell’alba. “Questa lotta è fondamentale per tutto il Paese, non riguarda solo Taranto. Non è possibile che una multinazionale venga qui e saccheggi l’Italia senza alcun controllo” ha detto Giorgio Cremaschi, ex segretario generale FIOM e ora rappresentante di Potere al Popolo. “La politica non può accettare questo ricatto”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fondazione Open, i tweet pro Renzi spostano la narrazione. E i russofobi, chissà perché, sono spariti

prev
Articolo Successivo

Monza, voleva costituire partito nazista italiano: arrestato uno dei 19 indagati dell’inchiesta “Ombre Nere”

next