Circa 5mila persone sono scese in piazza a Taranto per protestare controil piano di licenziamenti sostenuto dalla multinazionale franco-indiana AcelorMittal all’ex Ilva. Numerosa sia la presenza dei lavoratori tarantini dell’Unione sindacale di base sia quelli degli studenti, che sono scesi in piazza associando la mobilitazione dello sciopero globale per il clima (Fridays for Future) per chiedere una soluzione concreta al problema dell’inquinamento e dell’occupazione nel capoluogo tarantino. Prima della manifestazione i lavoratori dell’ex Ilva hanno organizzato uno sciopero che ha riscontrato un’alta adesione: i principali ingressi del polo siderurgico sono stati picchettati sin dalle prime luci dell’alba. “Questa lotta è fondamentale per tutto il Paese, non riguarda solo Taranto. Non è possibile che una multinazionale venga qui e saccheggi l’Italia senza alcun controllo” ha detto Giorgio Cremaschi, ex segretario generale FIOM e ora rappresentante di Potere al Popolo. “La politica non può accettare questo ricatto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fondazione Open, i tweet pro Renzi spostano la narrazione. E i russofobi, chissà perché, sono spariti

next
Articolo Successivo

Monza, voleva costituire partito nazista italiano: arrestato uno dei 19 indagati dell’inchiesta “Ombre Nere”

next