Presto l’app per la gestione degli SMS su Android, Google Messaggi, si arricchirà di una nuova funzione, gli SMS certificati, attualmente in fase di test nella versione beta. Sostanzialmente si tratta di una soluzione semplice ma potenzialmente assai efficace per dotare gli utenti di un nuovo strumento di protezione contro lo spam ma anche il phishing, ossia la tecnica di frode informatica che passa proprio per la ricezione di messaggi o email contraffatte.

Ma come funziona esattamente? Fondamentalmente stiamo parlando di un sistema di verifica della provenienza dell’SMS, che avviene però a monte rispetto all’utente, che quindi non dovrà fare nulla di diverso rispetto a quanto fa attualmente, anche perché la nuova opzione sarà attiva per impostazione predefinita.

Foto: Depositphotos
Foto: Depositphotos

La verifica avviene tramite un sistema di registrazione da parte delle aziende, che ricevono in cambio un codice univoco di identificazione, che sarà integrato in ogni comunicazione inviata. Se l’app quindi non rileverà tale codice nell’SMS segnalerà il messaggio come inattendibile. I messaggi verificati infatti saranno contraddistinti da un’icona specifica, che aiuterà gli utenti a distinguere gli uni dagli altri. Ovviamente questo sistema non riguarderà gli SMS inviati da privati.

Per il momento il codice viene creato a partire dal numero di telefono dell’azienda, ma Google sta ancora lavorando su questo aspetto. È importante però sottolineare che il codice viene creato ogni volta localmente e inviato ai server di Google solo al momento della verifica, per cui il colosso di Mountain View non legge i contenuti degli SMS, ma si limita a verificare la corrispondenza tra il presunto mittente e il numero identificativo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amazon Alexa imparerà a esprimere emozioni tramite la voce

next
Articolo Successivo

Cyber Monday 2019, le 10 migliori offerte di oggi per chi non ha approfittato del Black Friday

next