Non c’era Matteo Salvini in città e le elezioni sono ancora lontane in Liguria eppure ieri sera, a Genova, in 8mila si sono dati appuntamento in piazza De Ferrari, sotto il palazzo della Regione, per manifestare il proprio dissenso rispetto alla propaganda “identitaria e razzista” che per i promotori dell’iniziativa è principalmente incarnata dalla Lega e dai partiti sovranisti. Sono le “sardine” genovesi e, come a Bologna e nelle altre città dove sono scese in piazza, si contano pochissimi volti noti della politica elettorale e una partecipazione popolare eterogenea, senza bandiere di partito ma uniti dalla richiesta di una rappresentanza politica alternativa alle varie forme di populismo di destra

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Piacenza, duemila sardine in piazza Duomo: ‘Non è finita, ci saremo anche dopo le elezioni’

next
Articolo Successivo

Trieste, lo strano (e incomprensibile) intervento del consigliere di estrema destra: “Offeso perché Segre ha detto che Gesù era ebreo”

next