L’intelligenza artificiale compie un altro passo avanti insieme alla medicina del futuro. I ricercatori dell’Università di Harvard hanno dimostrato con un esperimento di biologia sintetica che possono essere ridisegnati i ‘gusci’ dei virus. Un rimodellamento che potrebbe permettere ai virus di essere trasformati in vettori di terapie geniche, in modo da renderli più efficienti nel trasportare le cure verso le cellule bersaglio. I risultati, ottenuti con la collaborazione della compagnia biotech Dyno Therapeutics, sono stati pubblicati sulla rivista Science.

Finora, a frenare la loro sperimentazione e applicazione, è stata proprio la scarsa disponibilità di vettori, ovvero dei ‘gusci’ (chiamati capsidi) dei cosiddetti virus adeno-associati usati come fattorini. Quelli presenti in natura non riescono a mirare in maniera precisa le cellule malate e possono essere facilmente riconosciuti e fermati dalle difese immunitarie, limitando il successo della terapia. Per superare queste impasse, solitamente si cerca di modificare il capside virale introducendo delle mutazioni, mirate o casuali: nel primo caso, si ottengono pochissime varianti, mentre nel secondo caso si producono molte versione del capside ma di bassa qualità.

Il sistema di intelligenza artificiale sviluppato dai ricercatori statunitensi, invece, offre un approccio più sistematico, con cui è stato possibile modificare, uno per uno, tutti i 735 amminoacidi che compongono il capside. In questo modo sono state generate ben 200.000 varianti del guscio virale, tra le quali sono state facilmente identificate quelle più efficaci nel raggiungere l’organo bersaglio nei topi. I dati prodotti dall’algoritmo hanno perfino permesso ai ricercatori di scoprire una nuova proteina del capside che non era mai stata notata prima: si chiama Maap e sembra avere un ruolo cruciale nell’aggancio della membrana delle cellule bersaglio.

L’abstract dello studio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Scoperto il buco nero “impossibile” nella Via Lattea, ha una massa 70 volte quella del Sole

prev
Articolo Successivo

Il primo dicembre è la giornata mondiale contro l’Aids. E quest’anno ci porta due buone notizie

next