Resta tutto dentro. Con il dolore fastidioso che vuole provocare, quasi vergognoso, perché così indegno. Furore è un’esplosione di parole, immagini, sonorità e – appunto – di dolore. Se la partecipazione allo spettacolo teatrale (in corso al Teatro India di Roma fino al 1 dicembre) è garantita dalla triade d’eccellenza Steinbeck/Trevi/Popolizio, il suo effetto non è scontato. Scriverne, come accade spesso rispetto alle opere teatrali, è riduttivo giacché il monologo interpretato da Massimo Popolizio sul testo di John Steinbeck del 1939 adattato da Emanuele Trevi supera l’oggettività di un testo – di cui già si conosce il valore – per andare a toccare soprattutto la soggettività coinvolta a livello profondo, che dunque supera l’emozionale.

C’è una forza tale nell’evocazione del tormentato esodo dei braccianti/migranti americani durante gli anni della Depressione da substanziarsi in un “hic et nunc senza fine”, piacevolmente scomodando gli ossimori. In altre parole, se è chiaro che le intenzioni della pièce siano di squarciare le coscienze sul presente – con ovvi riferimenti a certi popoli/individui ridotti in non dissimili situazioni – non era altrettanto evidente che oggettività e soggettività si sposassero con tale energia di fronte a questo spettacolo squisitamente politico, dall’impostazione semplice eppure dai meccanismi “interni” complessi e sofisticati.

Ormai confermatosi vate del teatro che parla alla, della e sulla contemporaneità senza mai esibirla, Massimo Popolizio (coadiuvato dalle percussioni live di Giovanni Lo Cascio) – anche regista dello spettacolo – si offre nella sua proverbiale gamma d’interpretazione sensoriale del testo arrivando – sul finale commovente – alla potenza del sussurro. Che è quanto più ci resta dentro. Spettacolo da non perdere dentro e fuori dalla sala, dove è esposta la mostra fotografica di Dorothea Lange e Walker Evans, The Grapes of Wrath.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La persecuzione degli ebrei romani: una storia di orrori e vergogna da non dimenticare mai

next
Articolo Successivo

Pio La Torre, il comunista ammazzato dalla mafia che sfidò la guerra fredda (e inventò il modo per confiscare le ricchezze dei boss)

next