Una donna è stata trovata morta nella sua roulotte lunedì scorso in un campo a Torre del Lago, frazione di Viareggio, in provincia di Lucca. Venerdì i carabinieri hanno fermato il compagno della donna con l’accusa di omicidio volontario e occultamento di cadavere.

A dare l’allarme erano stati i proprietari del terreno sui cui si trovava la roulotte, attratti da un forte odore. Così hanno allertato i soccorsi: i carabinieri, giunti sul posto, hanno trovato il corpo senza vita della donna avvolto da un telo di plastica e ormai in un avanzato stato di decomposizione. Mentre la roulotte era chiusa a chiave dall’esterno, con le finestre sigillate con nastro adesivo. Secondo una prima analisi sul corpo da parte dei medici legali, la morte della donna risalirebbe a circa tre o quattro mesi fa.

I militari di Lucca e Viareggio sono riusciti a risalire all’identità della vittima grazie a un tatuaggio sulla spalla sinistra: si tratterebbe di Chiara Corrado. 40 anni, originaria di Pisa, la donna viveva senza fissa dimora. Si indaga per femminicidio: il medico legale ha accertato una lesione alla testa. La quarantenne aveva dei parenti a Pisa, ma aveva fatto perdere le sue tracce da mesi. Ai militari, inoltre, non risultano denunce di scomparsa. Il compagno, ora in stato di fermo, è un uomo di 47 anni residente a San Nicola Arcella, in provincia di Cosenza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, incendio in sottotetto in zona Navigli: due persone trovate morte

next
Articolo Successivo

Palermo, lei gli rivela di essere incinta: lui prima la accoltella alla pancia, poi la prende a bastonate e le taglia la gola

next