Il reddito di cittadinanza è diventato “uno strumento assistenzialistico”, le leggi migliori del governo Conte 1 sono stati legittima difesa, quota 100 e decreti sicurezza e i provvedimenti del M5s sono stati evanescenti. A parlare così è un ex sindaco dei Cinquestelle, Fabio Fucci, che fino al giugno 2018 ha guidato il Comune di Pomezia, popolosa cittadina alle porte di Roma. Fucci ha annunciato di essere passato alla Lega: “Il mio ingresso nella Lega concretizza un ritorno alle mie origini politiche – dice Fucci a Radio Cusano Campus – di persona che ha apprezzato i provvedimenti della destra. Il motivo della crisi di consenso del M5s è anche questo suo non essere né di destra né di sinistra. La politica è anche identificare delle priorità. Da una parte c’è chi pensa allo ius soli, dall’altro la Lega che ritiene prioritario abbassare le tasse”.

E pensa già in grande: il Campidoglio per esempio. Non nega “E’ una suggestione. Sono a disposizione della Lega, ma sono scelte che vanno concordate con i dirigenti del partito. Sarei certamente in grado di farlo. Purtroppo per Roma la Raggi ha fallito su tutte le grandi sfide che la città presenta ad ogni sindaco: dalla gestione dei rifiuti alle manutenzioni. Ha cambiato più assessori che paia di scarpe, questo denota una totale mancanza di visione e di progetto. Se Roma viene percepita come una città sporca e invivibile è evidente che vi sia una responsabilità dell’attuale amministrazione”.

Fucci, uno dei primi sindaci eletti dai Cinquestelle (nel 2013), era fuoriuscito dal M5s in polemica con le regole sul limite dei due mandati. Si ricandidò alla guida di Pomezia con una lista civica ma l’impresa non gli riuscì: vinsero di nuovo i Cinquestelle con Adriano Zuccalà, l’attuale sindaco. “La Lega – aveva detto nei giorni scorsi in una diretta su facebook – ha dato dimostrazione di non essere un partito che accetta ingressi giustificati dal trasformismo, ma di essere un partito che valuta e ragiona”. Da qui l’adesione “a un grande partito che ha fatto tanto bene nel momento in cui si è trovato a governare il nostro Paese”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ponte Morandi, i sensori dell’impianto di monitoraggio non funzionavano dal 2015. “Tranciati durante i lavori e mai sostituiti”

next
Articolo Successivo

Conte a Milano, aperitivo e passeggiata con Sala in Galleria. Il premier: “Città che ci inorgoglisce, no frattura tra livello locale e nazionale”

next