In Francia il movimento dei gilet gialli torna in piazza per il suo primo anniversario. Tre i cortei attesi a Parigi. Secondo il bilancio diffuso a mezzogiorno dalla prefettura, sono 61 gli arresti effettuati nella capitale, ben lontano dai numeri dei cortei dei gilet gialli nell’inverno scorso. A place d’Italie, punto di partenza di una delle manifestazioni, centinaia di manifestanti hanno bloccato la circolazione dando fuoco alle barricate; gli agenti sono intervenuti usando gas lacrimogeni per disperdere i dimostranti.

Scontri a place de la Bastille, nel centro di Parigi, dove un corteo di gilet gialli proveniente da Montmartre ha cercato di raggiungere la manifestazione che era stata autorizzata dalla prefettura. Quest’ultimo corteo, però, è stato vietato in extremis visti gli scontri e gli incendi sulla piazza che non accennano a diminuire. I manifestanti bersagliano con sassi e oggetti la polizia, cercando di impedire l’intervento dei pompieri. Gli agenti rispondono con un fitto lancio di lacrimogeni. “Invito tutti i manifestanti che sono in buona fede e si trovano sulla place d’Italie, a lasciare immediatamente la piazza utilizzando i corridoi di sicurezza predisposti dalla polizia”, è l’appello lanciato in una conferenza stampa e via radio e tv del prefetto di Parigi, Didier Lallement.

Il prefetto, dopo gli scontri e i roghi, ha precisato che la polizia “agirà in modo molto deciso, arrestando tutti quelli che lanciano sassi o sono a volto coperto”. Un altro corteo è partito dalla porte de Champerret, dove questa mattina la polizia è intervenuta con i lacrimogeni per sgomberare un blocco della peripherique, la tangenziale di Parigi. Gruppi di manifestanti si aggirano anche attorno alla zona vietata degli Champs-Elysees. Calma per ora la situazione in provincia, dove sono state annunciate 270 manifestazioni. Numerosi i gilet gialli che sono tornati a bloccare le rotatorie stradali in tutto il Paese.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, Trump contro l’ex ambasciatrice a Kiev mentre testimonia al Congresso: tutti contro il presidente. “Intimidire un testimone è reato”

next
Articolo Successivo

Gilet gialli, un anno fa l’atto primo. E adesso cosa rimane del movimento?

next