A dieci anni dalla morte di Stefano Cucchi, è attesa in serata la sentenza sul processo bis, davanti alla prima Corte d’Assise di Roma. Nell’Aula bunker di Rebibbia, è stata la sorella Ilaria a rivendicare: “Sono stati dieci anni di battaglie durissime, abbiamo sentito tante bugie, ipocrisie, cattiverie. Credo che siamo alla resa dei conti, non voglio dire nulla su quello che succederà, ma spero che Stefano possa finalmente riposare in pace”.

Ad attendere l’esito del processo anche i genitori di Stefano Cucchi, Rita e Giovanni: “Ilaria ci ha dato la forza per andare avanti e cercare la verità. Quello che abbiamo giurato davanti a quel corpo massacrato è che non ci saremmo mai fermati e così faremo, andremo sempre avanti”, ha spiegato la madre di Cucchi. “Oggi ci auguriamo una svolta, i dati sono tutti a favore di una sentenza positiva, però ci sono dei segnali, vediamo”, ha concluso Giovanni Cucchi, nel giorno del verdetto. Il pm Giovanni Musarò ha rinunciato a replicare, così i giudici si sono ritirati in camera di consiglio per la decisione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Stefano Cucchi, attesa per la sentenza per i cinque carabinieri imputati. La sorella: “Spero possa avere giustizia e riposare in pace”

prev
Articolo Successivo

Assaltarono auto di Matteo Salvini, in 20 a processo a Bologna per violenza, lesioni e danneggiamento aggravati

next