“Un passo storico“. L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha ‘prequalificato’ il primo vaccino contro l’Ebola: la decisione contribuirà ad accelerare le licenze, l’accesso e l’implementazione nei paesi più a rischio di epidemie di Ebola. La ‘prequalifica’ significa che il vaccino soddisfa gli standard dell’Oms per qualità, sicurezza ed efficacia e permetterà di velocizzarne l’acquisto da parte delle agenzie internazionali. Si tratta – si legge in una nota dell’Oms – del processo di prequalifica più rapido mai condotto dall’organizzazione.

Il vaccino scelto è l’Ervebo* messo a punto dalla società farmaceutica Msd, e arriva a due giorni dalla decisione della Commissione europea di concedere un’autorizzazione al commercio condizionata, a seguito della raccomandazione dell’Agenzia europea per i medicinali (Ema).

“Si tratta di un passo storico per garantire che le persone che ne hanno più bisogno siano in grado di accedere a questo vaccino salvavita”, ha dichiarato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms. “Cinque anni fa, non avevamo nessun vaccino né terapia per l’Ebola. Oggi, con un vaccino prequalificato e le terapie sperimentali, l’Ebola è prevenibile e trattabile”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Marte, trovati i primi indizi di ossigeno nell’atmosfera. “Una sorprendente correlazione con il metano”

prev
Articolo Successivo

Il 14 novembre è la giornata mondiale del diabete. Un male che colpisce anche la sfera sessuale

next