Tre accoltellamenti in due giorni ai danni dei tifosi del Celtic Glasgow nel centro di Roma. E’ accaduto intorno alle 2.30 in viale Giulio Cesare, nel quartiere Prati. Sul posto, oltre al 118, i carabinieri della compagnia San Pietro, del Radiomobile e del Nucleo Investigativo per i rilievi. Si tratta di un 20enne che è stato trasportato in ospedale. Si cerca il responsabile. L’episodio è avvenuto qualche ora dopo la partita di Europa League tra i biancocelesti e la formazione scozzese persa dai primi per 2 reti a una. Mercoledì sera, alla vigilia del match, altri due tifosi biancoverdi erano stati accoltellati al centro della Capitale.

L’accoltellamento è avvenuto verso le 2.30, qualche ora dopo la partita. Il tifoso è stato attaccato da un uomo che lo ha colpito con una lama nella zona lombo sacrale, per poi dileguarsi su un mezzo pubblico e far perdere le sue tracce. Sul posto è intervenuto il 118 che ha soccorso il ferito in codice giallo, oltre ai carabinieri. I militari del Nucleo investigativo hanno proceduto ai rilievi di rito.

Nella notte i poliziotti della Digos hanno arrestato 12 tifosi della Lazio per aver tentato di aggredire dopo la partita un gruppo di supporter avversari in piazza Risorgimento, in zona San Pietro. I dodici, che si erano dati alla fuga nascondendosi in palazzi della zona, sono stati rintracciati poco dopo.

Per loro la procura di Roma ha chiesto al gip la convalida dell’arresto. In due restano ai domiciliari con le accuse di resistenza e lesioni. Gli altri dieci, rimessi in libertà perché incensurati, restano indagati per resistenza. A tutti viene contestata l’aggravante prevista dal nuovo decreto Sicurezza relativa alle manifestazioni sportive.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bologna, esplode tir nell’area di servizio Cantagallo sulla A1: feriti due vigili del fuoco

prev
Articolo Successivo

Predappio, il Comune rifiuta i fondi per la visita delle scuole ad Auschwitz. Il sindaco: “Niente soldi pubblici per progetti di parte”

next