Servono almeno 64 firme e i senatori, che hanno tempo fino a dicembre, ne hanno già raccolte 49. L’operazione per rallentare l’entrata in vigore la riforma costituzionale del taglio dei parlamentari e chiedere un referendum confermativo agli elettori procede a passo spedito. Il comitato bipartisan è al lavoro perché l’ultimo parola sul provvedimento bandiera dei 5 stelle, approvato con solo 14 contrari a inizio ottobre, tocchi ai cittadini. A dare le cifre è stato il senatore Tommaso Nannicini (Pd): “Gli aderenti”, ha dichiarato all’agenzia Ansa, “appartengono un po’ a tutti i gruppi, tranne la Lega. Ci sono anche tre colleghi del M5s di cui non riferisco i nomi per rispettare la riservatezza, ma il loro atto mi ha stupito”.

L’unico del Movimento a essere venuto allo scoperto è Mario Michele Giarrusso, grillino che negli ultimi mesi ha contestato con forza la linea ufficiale del Movimento: “Ho votato per il taglio, ma sono favorevole al fatto che i cittadini possano pronunciarsi. Semplicemente se confermasse la scelta fatta dal Movimento, ci vedrebbe fortissimi”. Giarrusso ha anche detto di aver proposto ai colleghi di sostenere l’iniziativa: “Sarebbe un bel segnale”, ha detto. “E’ una riforma fatta nell’interesse dei cittadini. I cittadini ci diano il loro sostegno, io non ho dubbi che ce lo daranno. Il popolo è sovrano, noi crediamo nella democrazia diretta”.

Sarà anche come dice Giarrusso che il “referendum non è contro il taglio dei parlamentari”, ma il comitato promotore presentato questa mattina alla Camera intende fare campagna perché la riforma venga affossata. Si tratta di un organo “trasversale” che raccoglie parlamentari di maggioranza e opposizione, costituito dal partito radicale e aperto alle adesioni di chiunque sia interessato. “Il numero che diminuisce o non diminuisce è un dettaglio, il punto”, ha detto il deputato Giuseppe Gargani durante la conferenza stampa di presentazione, “è che la strategia dei 5 stelle è quella di delegittimare il Parlamento e se alla riduzione dei parlamentari si aggiungesse il vincolo di mandato si distruggerebbe totalmente il Parlamento e la sua funzione. Noi, attraverso questo referendum, dobbiamo spiegare all’opinione pubblica che il Parlamento ha una funzione essenziale e ineliminabile della democrazia e libertà del Paese”. Il renziano Roberto Giachetti si è detto fiducioso: “La raccolta firme è aperta e sono fiducioso che il risultato lo raggiungiamo sia alla Camera che a Senato e non è escluso che alcune Regioni, magari le più colpite in termini di rappresentanza, si possano unire a noi”. Quindi ha concluso Andrea Cangini di Forza Italia: “La democrazia parlamentare è oggetto di un’offensiva, questa riforma per come è stata pensata, con uno spirito da ragionieri e senza sensibilità politica, allarga ulteriormente il divario tra cittadini e istituzioni”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Taglio eletti, hanno votato a favore ma ora ci ripensano: iniziativa bipartisan dei parlamentari per chiedere il referendum

prev
Articolo Successivo

Sardegna, marcia indietro della giunta Solinas sulla “sanatoria” che aggirava la normativa sulla selezione dei dirigenti

next