Plastic tax e auto aziendali continuano a creare tensioni nella maggioranza. Il governo difende l’impianto complessivo della manovra, ma le critiche di Matteo Renzi e quelle che arrivano dal presidente Pd dell’Emilia Romagna sull’aumento della tassazione sugli imballaggi in plastica monouso e altre tasse verdi causano continui attriti. Dopo l’intervento di Luigi Di Maio in difesa della plastic tax che rappresenta “un passo concreto per i nostri figli e le imprese”, anche Nicola Zingaretti sceglie con attenzione i suoi diktat: “Gioco di squadra”, innanzitutto, ma anche “rivoluzione verde”. Il segretario Pd su Facebook chiede “stop furbizie, ipocrisie, sgambetti, litigi, piccolezze” perché “l’incertezza quotidiana è il modo migliore per regalare l’Italia alle destre e condannare le italiane e gli italiani a un inesorabile declino senza neanche combattere”. Mentre a provare a mediare è il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, ricordando che le misure più discusse, come plastic tax e stretta sulle auto aziendali, possono sempre essere riviste e “migliorate“. “Dobbiamo ridurre l’utilizzo della plastica monouso, non possiamo prima applaudire i giovani in piazza per l’ambiente e poi non agire. Una misura che disincentiva la plastica mono uso è giusta, poi occorre modularla bene e sono pronto a discutere con gli operatori del settore”, ha spiegato in un’intervista al Tg3. “È sorprendente – ha aggiunto – che si approvi una manovra e poi la si critichi, questo non significa che non si possa migliorare“.

“Gioco di squadra, impegno per lo sviluppo e il lavoro, lotta alle disuguaglianze sociali, rivoluzione verde, scuola e formazione. L’Italia dalla maggioranza e dal Governo si aspetta questo. Solo così si sconfigge la destra, dando risposte e speranza alle persone”, scrive Zingaretti in un lungo post. “Se qualcosa non va, in uno spirito unitario si affronterà come sempre è avvenuto nel percorso parlamentare. Ma bisogna farlo insieme e uniti dalla parte dei cittadini”, sottolinea, ribadendo la richiesta di non litigare “tutti i giorni”. “Su questo bisogna essere chiari: solo condividendo questo spirito è utile andare avanti“, attacca il segretario democratico.

“Ora – sostiene Zingaretti – è tempo di credibilità per ricostruire fiducia e speranza. Il Partito Democratico lavora per questo”. Il suo post su Facebook ricorca che nella manovra “finalmente abbiamo evitato la slavina dell’aumento dell’Iva, finalmente tagliamo le tasse e alziamo gli stipendi al ceto medio, mettiamo 11 miliardi sugli investimenti verdi e rifinanziamo industria 4.0, aboliamo il ticket sulla sanità, detassiamo fino al 90% il rifacimento delle facciate dei palazzi, si riprende a investire sulla sicurezza urbana e potrei continuare su misure che fino a qualche mese fa sembravano impossibili“, conclude Zingaretti.

Ad aprire alla possibilità di modifiche era stato invece il ministro dell’Economia Gualtieri in un’intervista a La Stampa. “La legge di bilancio approda in Parlamento, che è sovrano e potrà modificare e migliorare il testo, a saldi invariati“, ha detto. “Io per primo sono consapevole che alcune misure richiedono approfondimento e miglioramenti“, ha proseguito. A cosa si riferisce? In primis alla tassazione sulle auto aziendali, rispetto alla quale “tempi e modalità di applicazione possono essere rivisti per evitare un impatto negativo sull’imposta pagata dai lavoratori dipendenti e dalle imprese”.

Tutto, però, comprese le critiche di Renzi e del centrodestra, va ricollocato nella giusta misura. “Se guardiamo alle tasse, le uniche veramente nuove sono tre: sulla plastica “usa e getta”, sugli zuccheri contenuti nelle bevande, sui giganti del web”, premette il titolare di via XX Settembre. “Nel loro insieme valgono 2 miliardi” su una legge di bilancio che ne vale 30. Detto questo “ascolteremo le opinioni di tutti. In particolare riguardo alla plastica rifletteremo sulle osservazioni del presidente dell’Emilia Romagna Bonaccini e siamo pronti a confrontarci con i produttori e gli esperti del settore”.

Si riferisce, Gualtieri, ai timori espressi da Stefano Bonaccini, che sabato chiedeva correttivi: “Mi è stato garantito che il provvedimento sulle auto aziendali verrà decisamente modificato o addirittura cancellato”, spiegava il governatore Pd. Che sulla plastic tax ha rivelato di “aver interessato il governo, affinché le misure a cui sta pensando non danneggino un settore così importante in Emilia-Romagna”. Dove il 26 gennaio ci saranno le regionali e Bonaccini teme che l’impatto della tassa sugli imballaggi possa far perdere voti, in una regione che ospita alcune delle più importanti aziende di packaging del Paese.

La discussione è aperta, sì, nel quadro di una manovra che il ministro difende nel suo impianto complessivo per difendere la stessa tenuta della maggioranza: “In una discussione che tende a concentrarsi sui dettagli – ha detto Gualtieri – non vorrei che venisse smarrito il quadro d’insieme. Siamo riusciti a fare quello che tutti fino a poco fa ritenevano impossibile: evitare 23 miliardi di aumento automatico dell’Iva con una manovra che non è di lacrime e sangue ma che al contrario sostiene il lavoro, gli investimenti e il welfare“. E che “riduce le tasse per quasi 27 miliardi, mentre alcuni pare facciano del loro meglio per convincere gli italiani che le aumentiamo”.

Il riferimento è all’alleato Matteo Renzi, contro le cui critiche fanno quadrato anche i piani alti del Nazareno: “Come un moscone che sbatte contro il vetro anche oggi i rappresentanti di Italia Viva, a partire da Renzi, continuano nel loro incontenibile populismo fiscale che colpisce il taglio delle tasse ai lavoratori dipendenti – attacca Stefano Vaccari della segreteria nazionale Pd – Sembra ormai un disco rotto: parlando solo di tasse fanno un favore a Salvini e alla destra, indossando i panni del Matteo sbagliato. P.s.: ma il Marattin che nelle riunioni di maggioranza non alzava la mano contro le proposte contenute in manovra è lo stesso che oggi parla di modifiche da fare in parlamento, rinviando il taglio delle tasse ai lavoratori?”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Plastic tax, Di Maio: “Serve una svolta, passo per nostri figli e imprese. Gli altri si riempiono bocca con l’ambiente e adesso dicono di no”

next
Articolo Successivo

Manovra, Zanetti: “Stretta fiscale su auto aziendali? Norma stupida. Nel governo Renzi vaccate così clamorose non le abbiamo fatte”

next